Poste, gli straordinari salvano le consegne ma ora arriva il blocco

poste

BOLOGNA – Per far fronte agli accumuli di corrispondenza che si sono creati con l’arrivo del recapito a singhiozzo, i postini dell’Emilia-Romagna hanno iniziato a lavorare due ore prima del loro normale turno e allungandolo di un’altra ora al termine; insomma, tre ore in piu’ per provare a smaltire tutte le consegne. Ma neanche questo sforzo e’ bastato: e infatti i sindacati hanno firmato l’ennesimo verbale di mancato accordo e dal prossimo 9 maggio scattera’ il blocco degli straordinari. Quindi addio a orari di lavoro ‘volontariamente’ allungati, con il rischio che altra posta si ammassi nei depositi.

“Sappiamo bene qual e’ la situazione e quale sara’ l’effetto del blocco degli straordinari e dell’invito ai lavoratori di attenersi scrupolosamente agli orari di servizi- riconosce Giuseppe Ledda, segretario regionale della Slc-Cgil- ma ci sono 150 quintali di posta non consegnata in questa regione e noi abbiamo bisogno di portare sempre piu’ ad evidenza che la riforma del recapito non regge e va fermata”.

Dopo il blocco degli straordinari, che si concludera’ il 26 maggio, ci sara’ un ulteriore inasprimento se non cambieranno le cose: lo sciopero di tutti i postini dell’Emilia-Romagna; indicativamente quindici giorni dopo la fine del blocco degli straordinari. Ma i sindacati sperano che l’azienda ‘capitoli’ prima: “C’e’ un mese e, se vogliono discutere, di spazio ce n’e'”, manda a dire Valerio Grillini, segretario regionale Slp-Cisl. In altre parole, se con il blocco degli straordinari la sofferenza delle consegne diverra’ insostenibile, la speranza e’ che Poste torni al tavolo piu’ disposta a rivedere i suoi piani. E gia’ nei prossimi giorni a Roma dovrebbe essere convocato un tavolo nazionale sul problema delle consegne a singhiozzo.

30 Aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»