AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE toscana

Livorno. Il porto chiude il 2014 con 13 milioni di utili

porto di livornoFIRENZE – Un utile di esercizio di 13 milioni 169 mila euro, al netto delle imposte, e un incremento dell’avanzo di amministrazione di 17 milioni di euro rispetto all’anno precedente. Sono i numeri del bilancio consuntivo 2014 del porto di Livorno che il dirigente amministrativo dell’Authority, Simone Gagliani, ha consegnato quest’oggi ai membri del Comitato portuale. “Al 31 dicembre- afferma Gagliani- l’Autorità portuale di Livorno presenta un saldo finale di cassa di quasi 86 milioni di euro e un avanzo di amministrazione complessivo di 46,842 milioni di euro, di cui una parte vincolata, per complessivi 18 milioni, ed una parte, di otto milioni, destinata a copertura del disavanzo del bilancio di previsione 2015. Pertanto, la disponibilità residua è di 20,6 milioni di euro”. Gagliani ha inoltre comunicato che nel 2014 sono stati impegnati 41,2 milioni di euro, di cui 22 mln per gli interventi infrastrutturali: i dragaggi del Molo Italia e dell’Imboccatura Sud, il consolidamento di piazzali e l’elettrificazione delle banchine sono solo alcune delle opere che l’Apl ha realizzato l’anno scorso, spendendo anche 8 milioni di euro per la manutenzione straordinaria dello scalo portuale.

Sul fronte delle entrate, invece, nel 2014 l’Autorità portuale ha incamerato 48,6 milioni di euro, di cui 14,3 dalle tasse sulle merci imbarcate e sbarcate, di ancoraggio ed erariali; 13,3 da proventi relativi alla riscossione dei canoni demaniali (tra concessioni, occupazione temporanea e accosti pubblici) e 13,2 da trasferimenti di risorse Stato-Regioni. Questo bilancio “dimostra la virtuosità della gestione portata avanti dall’ente”, sottolinea il numero due dell’autorità portuale, Massimo Provinciali.

Per Provinciali, alla luce di questo bilancio, “oggi l’Autorità portuale può pianificare senza problemi i propri investimenti: i 47 milioni di euro dell’avanzo di amministrazione certificano la nostra solidità finanziaria e sono un buon biglietto da visita da presentare alle banche per la contrazione del mutuo necessario alla realizzazione della Piattaforma Europa”.

Il presidente dell’Autorità portuale, Giuliano Gallanti, commenta: “Sento a volte commenti negativi sulle Autorità Portuali e sul fatto che costano troppo all’erario. Credo che quei 22 milioni di euro spesi nel solo 2014 in opere di ammodernamento infrastrutturale del porto spieghino meglio di ogni altra parola quanto sia oggi importante avere sul territorio una Port Authority operativa. Non mi stancherò mai di ripeterlo: siamo ad oggi il primo investitore di Livorno con oltre 60 milioni di euro impegnati e 15 cantieri aperti dal 2012 ad oggi”.

30 aprile 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram