Il Pd presenta il simbolo per le Europee. “Se vince Salvini rischio Italexit”

La scritta 'Siamo europei' ispirata al manifesto europeista voluto da Carlo Calenda figura alla base. Il logo del Pse "rimane sopra perche' il Pd si rivolge anche ai liberaldemocratici e ai moderati"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La prima parola a cui ci richiamiamo e’ unita’. La nostra e’ un’offerta di unita’, uno strumento al servizio del cambiamento e la nmecessita’ di unirsi per fermare una pericolosa deriva nazionalista. Il Pd richiama tutte le forze europeiste a unirsi per essere piu’ forti dentro questo scontro”. Cosi’ il segretario del Pd Nicola Zingaretti presenta il simbolo della lista Pd-Siamo europei alle Europee.

“Questo e’ il simbolo dell’unita’- aggiunge- non un insieme di sigle ma un pluralismo che stiamo componendo”. Zingaretti ringrazia Giuliano Pisapia che guidera’ la lista del Nord Ovest e con lui “i tanti che in queste ore stanno dando la loro disponibilita’”.

La seconda parola- spiega il segretario del Pd- “e’ Europa. Senza Europa non c’e’ futuro. Noi crediamo nell’Europa baluardo per i cittadini europei ma un’Europa che lotta contro le diseguaglianze, fa pesare la sua influenza, scommette di nuovo nella crescita. Da solo nessun paese europeo ce la fa, insieme l’Europa puo’ tornare a essere un grande attore globale”. La terza parola su cui punta il Pd “e’ sostenibilita’. Dalla sostenibilita’ puo’ nascere in questo secolo una nuova fase di sviluppo intelligente. Tutto questo per fare una cosa semplice: creare lavoro, creare lavoro, creare lavoro in Italia e in europa. Si possono costruire nuovi milioni di posti di lavoro se i paesi europei insieme sposano questo nuovo modello di sviluppo. Dedico questo logo alle nuove generazioni perche’ e’ un simbolo di speranza”.

zingaretti simbolo pd europee

ZINGARETTI SFIDA SALVINI: OCCASIONE PER VOLTARE PAGINA

“E’ tempo che nasca una nuova sfida. Le elezioni europee saranno l’occasione per voltare pagina tra chi l’unica cosa che sa distribuire e’ l’odio, e chi vuole creare benessere, lavoro e indicare nella sostenibilita’ un nuovo modello di sviluppo”, dice il segretario del Pd.

GENTILONI: CON VITTORIA SOVRANISTI ITALIA RISCHIA USCITA DA UE

Nel simbolo del Pd, la scritta ‘Siamo europei’ ispirata al manifesto europeista voluto da Carlo Calenda figura alla base. Il logo del Pse e’ “rimane sopra perche’ il Pd non si rivolge solo al Pse ma anche ai liberaldemocratici e ai moderati”, dice Carlo Calenda. “Da domani si parte- osserva l’ex ministro- si corre mobilitando il paese: sia quelli che si candideranno, sia quelli che non lo faranno ma vogliono dare una mano. Da oggi in poi non parliamo di piu’ di divisioni, affrontiamo a viso aperto il campo opposto che e’ pericoloso per il paese”. Chiude la presentazione il presidente del Pd Paolo Gentiloni: “Abbiamo un bel simbolo: penso che fara’ strada. Rappresenta il massimo di unita’ possibile che siamo riusciti a organizzare. E’ una lista aperta a sinistra ma anche al centro, alle culture liberali ambientaliste e cattoliche. Si rivolge al mondo delle imprese, delle professioni, al mondo del lavoro. L’unica possibilita’ che abbiamo e’ di essere davvero competitivi con l’Italia sovranista e populista”. Gentiloni spiega che un’affermazione del polo sovranista il 26 maggio potrebbe innescare “un’escalation che potrebbe addirittura portarci fuori dall’Unione europea. Qualcuno dira’ che stiamo facendo allarmismo. Io penso che e’ la realta’ dei fatti. Non credo che Cameron volesse uscire dall’Ue ma quando metti in moto il sentimento delle piccole patrie, metti in moto un percorso che ci portera’ fuori. Deve essere sufficientemente contrastato. Questa lista dimostra anche che si sta profilando un’altrernativa in questo paese. E puo’ darsi che ne avremo bisogno prima di quanto possiamo ora immaginare”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

30 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»