Ateneo, il Rettore Petrocelli presenta il bilancio - DIRE.it

San Marino

Ateneo, il Rettore Petrocelli presenta il bilancio

san marino_ateneo

SAN MARINO – Trasparenza in primo piano, con la pubblicazione on-line di tutti gli atti del Senato Accademico e del Consiglio dell’Università, un bilancio in salute, l’avvio di borse di studio per gli studenti più meritevoli. E ancora: la nascita di nuove iniziative formative nei campi della nutraceutica e della gestione dei patrimoni artistici, un corso di produzione cinematografica, una biblioteca in crescita che cura oltre 60 mila volumi, un rilevante aumento delle immatricolazioni, una serie di convenzioni che tocca gli Atenei di Urbino, Chieti, Milano, Firenze e Bologna.

Queste le principali attività descritte nel tardo pomeriggio di ieri dal Rettore dell’Università degli Studi della Repubblica di San Marino, Corrado Petrocelli, durante la riunione del “Patto Territoriale” che ha raccolto nell’Aula Magna dell’Ateneo cittadini e istituzioni, dai vertici delle associazioni di categoria ai sindacati, dalle Giunte di Castello a professionisti, dai segretari di Stato ai Capitani Reggenti, che hanno inoltre visitato la struttura universitaria. Nel suo intervento il Rettore si è concentrato sulle ricadute per il territorio legate alle molteplici attività dell’Ateneo, ma ha anche messo in guardia rispetto alle sfide future che condividerà con il Paese, rilevando l’esigenza di “avere un territorio che si riconosce nella sua Università“. Tra gli ospiti, il segretario di Stato all’Istruzione, Giuseppe Morganti: “I nuovi vertici di Bcsm- ha annunciato- nelle prossime settimane incontreranno l’Università alla luce del percorso di trasformazione che San Marino affronterà nel mondo bancario, dove c’è necessità di professionalità e specializzazione”. Una dichiarazione con cui l’Ateneo è individuato come referente per la formazione del settore.

30 marzo 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»