Imprenditoria giovanile, Bolzonello: “Fissata intensità dei contributi”

20130702185241006_BolzonelloProvinceOOSSTRIESTE – La giunta regionale del Friuli Venezia Giulia, su proposta del vicepresidente della regione e assessore alle Attività produttive Sergio Bolzonello, ha approvato l’intensità dei contributi in conto capitale a sostegno dei progetti legati all’imprenditoria giovanile. In base al punteggio conseguito, l’intensità applicabile alle spese ammissibili del progetto sarà pari al 50 predisposizione di graduatorie provinciali in base alle quali le risorse a disposizione vengono concesse fino ad esaurimento.
I fondi sono destinati a parziale copertura sia dei costi per la realizzazione di investimenti nonché delle spese di costituzione e di primo impianto. Le risorse previste per la graduatoria sono pari a 2 milioni di euro lordi. Il contributo massimo ammonta 40 mila euro in caso di imprese con tre o più soci e a 20 mila euro se i soci sono al massimo due. Il contributo è concesso secondo la regola comunitaria del ‘de minimis’.
Le domande sono già state presentate dalle piccole e medie imprese alle Camere di Commercio del territorio di appartenenza. Ciascun ente camerale ha svolto un’istruttoria riferita all’ammissibilità sia della domanda sia della spesa, completata con la valutazione ed attribuzione del punteggio (da 0 100). A questi poi si applica l’intensità del contributo.
Questa misura – spiega il vicepresidente Bolzonello – si inserisce all’interno di una linea “green” che la Regione ha dedicato ai giovani intenzionati a fare impresa. Non dimentichiamo infatti l’importanza di dare gambe ai progetti e alle idee – spesso molto innovative – che il mercato richiede sempre con maggior frequenza. Dai giovani può arrivare la forza per contribuire al rilancio della nostra economia, offrendo al ti e alle idee – spesso molto innovative – che il mercato richiede sempre con maggior frequenza. Dai giovani può arrivare la forza per contribuire al rilancio della nostra economia, offrendo al sistema produttivo un adeguato ricambio generazionale, attraverso le peculiarità che questa generazione porta con sé: creatività e innovazione. A questo tipo di iniziative crediamo molto e lo confermano anche i dati che pongono, ad esempio, la nostra Regione al vertice in Italia nell’ambito delle start up”.

30 Mar 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»