VIDEO | ‘Fai quel pazzo che ti pare’, la 625esima edizione del carnevale di Putignano

La sfilata dei tradizionali carri in cartapesta avrà come tema ‘Satira e libertà’
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – “Il carnevale è un evento molto sentito da Putignano, è nel nostro dna, è dal 26 dicembre che viviamo in uno stato di euforia. Il compito di quest’anno è stato rendere fruibile anche ai disabili il museo della cultura. I turisti possono anche portare i loro animali domestici perché ci saranno percorsi di visita per chi viaggia con gli amici a quattro zampe. Inoltre i giovedì saranno dedicati alle letture per i bambini”. Così Emanuela Elba, assessore alla Cultura del Comune di Putignano, a margine della presentazione a Bari, nella sala Di Jeso della presidenza della Regione Puglia, della 625esima edizione del carnevale di Putignano, il più antico d’Europa. Alla conferenza hanno partecipato Loredana Capone, assessore regionale al Turismo; Domenico Giannandrea, sindaco di Putignano; Aldo Patruno, direttore del dipartimento Turismo della Regione Puglia; Giampaolo Loperfido, presidente della fondazione Carnevale di Putignano; Emanuela Elba assessore comunale alla Cultura, e Farinella, la maschera tradizionale del carnevale. “Sette maestri cartapestai – ha sottolineato Capone – entrano in competizione”.

Quest’anno il carnevale inizierà il 17 febbraio per concludersi il 5 marzo. La sfilata dei tradizionali carri in cartapesta – che avrà come tema ‘Satira e libertà’ e come motto ‘Fai quel Pazzo che ti pare’ – avrà il sostegno finanziario della Regione Puglia. L’invito, in maniera allegorica, è per chi si sente un ‘pazzo’ e in quei giorni potrà liberare la propria follia. Non mancheranno gli ospiti che, come ha spiegato Loperfido, saranno l’ex ministro Elsa Fornero il 22 febbraio e Pif il 2 marzo. Si attende la conferma della partecipazione del giornalista Antonio Caprarica.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

30 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»