Roma, a Palazzo Barberini in mostra la 'Madonna Esterhazy' di Raffaello

Cultura

Roma, a Palazzo Barberini in mostra la ‘Madonna Esterhazy’ di Raffaello

ROMA – Un Raffaello che va, un Raffaello che viene. In occasione del prestito della celeberrima ‘Fornarina’ per la mostra ‘Raffaello e l’eco del mito’, in corso all’Accademia Carrara di Bergamo, la direttrice dell’Ufficio prestiti di Palazzo Barberini, Cinzia Ammannato, ha pensato di portare a Roma ‘La Madonna Esterhazy’, una delle opere più interessanti della produzione raffaellesca, proveniente dallo Szepmuveszeti Muzeum di Budapest.

‘La Madonna Esterhazy’

L’opera è una tavola in pioppo di piccole dimensioni dipinta da Raffaello intorno al 1508, tra la fine del periodo fiorentino e l’inizio di quello romano. In quell’anno, cruciale per l’arte dell’Occidente, si aprivano i cantieri per le decorazioni del nuovo Vaticano: la volta della Cappella Sistina e le Stanze degli appartamenti papali.

L’opera ritrae la Madonna a figura intera col Bambino poggiato su una roccia, mentre si sporge verso san Giovanni Battista fanciullo, a sinistra, intento a decifrare il messaggio su un cartiglio, sullo sfondo di un paesaggio. Sullo sfondo si vedono le rovine antiche di sapore romano, nelle quali si sono volute riconoscere i resti del Tempio di Vespasiano e della Torre dei Conti nel Foro Romano.

La tavola viene esposta accanto a una riproduzione in grande del correlato disegno preparatorio e ad altre tre opere provenienti dalle Gallerie Nazionali, simili per formato e ambiente. Il pubblico potrà ammirare ‘La Madonna Esterhazy’ dal 31 gennaio all’8 aprile.

30 gennaio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»