AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE ambiente

Smog, in pianura Padana è allarme. Galletti: “Rischiamo multe da Ue”


ROMA – Per lo smog nella pianura padana “rischiamo una possibile infrazione dell’Unione europea. Abbiamo periodi di sforamento troppo lunghi. Questo è uno dei problemi che dobbiamo affrontare”. Lo dice chiaro e tondo il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti al termine del vertice con gli assessori delle quattro regioni padane, Lombardia, Veneto, Piemente ed Emilia-Romagna.

“La situazione- sostiene il ministro- è migliorata rispetto al passato. E’ vero che dobbiamo fare ancora di più e la situazione resta critica. Siamo in una zona difficile che richiede un impegno straordinario. Il miglioramento rispetto agli ultimi anni non ci soddisfa ancora e dobbiamo continuare con azioni molto forti”. Si agirà su tre fronti principali: traffico, impianti di riscaldamento e agricoltura. Sul fronte riscaldamento, ci sarà l’anticipo alla prossima estate del decreto sulle “caldaiette” che mette in pratica al bando gli impianti più vecchi ed inquinanti dando contributi fino al 65% per chi ne installa di nuova generazione.

Ad incontrare Galletti c’erano, oltre al presidente dell’Emilia-Romagna e della conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini, gli assessori all’Ambiente dell’Emilia Paola Gazzolo, del Piemonte Alberto Valmaggia, della Lombardia Claudia Maria Terzi e del Veneto Gianpaolo Bottacin. “Quello di oggi- spiega Gazzolo- è un passo molto importante, perché l’accordo del 2013 si rafforzerà non solo con le azioni già definite a livello tecnico in questi anni, ma anche con la definizione di misure comuni per il bacino padano”.

In sostanza all’orizzonte c’è un unico piano anti-smog per le quattro grandi regioni del nord Italia. “E’ quello a cui stiamo lavorando”, conferma Valmaggia. Al ministero, che lo scorso anno ha messo in campo un centinaio di milioni di euro per la lotta all’inquinamento dell’aria, spetterà un ruolo di sostegno alle iniziative comuni. Per quanto riguarda l’Emilia-Romagna l’obiettivo è ridurre all’1% la popolazione esposta e abbattere le 35 giornate di sforamento sulle Pm10 entro il 2020. Una prova non facile: in neanche un mese del 2017 sono già una ventina nelle province più inquinate.

Ai dubbi di Legambiente, che anche questa mattina durante il presidio in Regione ha puntato il dito sul fatto che si continuano a costruire grandi infrastrutture stradali, Galletti replica sottolineando che “l’inversione di tendenza c’è. Poi è chiaro che i risultati non si vedono in due anni”. “I dieci punti di Legambiente- aggiunge la lombarda Terzi- sono già presenti nei nostri piani aria. Non c’è un’unica azione che può risolvere il problema della qualità dell’aria”.

30 gennaio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988