AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE Emilia-Romagna

Reggio, ciabattate e guinzaglio come frusta: rissa fra quattro donne


BOLOGNA – Se le sono date di santa ragione e, come si dice, senza esclusione di colpi: oltre a pugni e schiaffi, infatti, si sono colpite brandendo delle ciabatte o roteando il guinzaglio del cane come fosse una frusta. E chi ha provato a fermarle si è preso un pugno in faccia. Già perchè le protagoniste della rissa sono donne. Per saperarle sono serviti i Carabinieri: si sono trovati davanti quattro donne impegnate, appunto, a “darsele di santa ragione”. Il compagno di una di loro ha tentato di dividerle, ma siccome è sembrato che anche lui stesse alzando le mano su un’altra donna, il padre e il marito di due delle ‘lottatrici’ lo ha aggredito “sferrandogli un pugno al volto”.

E’ successo in un condominio di Boretto, piccolo comune di poco più di 5.000 abitanti nella provincia di Reggio Emilia. E, secondo la ricostruzione dei fatti contenuta in un comunicato dei militari dell’Arma, è andata così: una 50enne e il suo compagno entrano nel cortile del condominio con l’auto e vengono offesi dalla figlia 20enne della vicina “che mostrava ai due il dito medio”. Apriti cielo. Quel gesto “ha scatenato la reazione della 50enne” che è scesa dall’auto per rimproverare la ragazza. È bastato niente perchè dalle parole passassero alle mani. E in rissa vera e propria: a dar man forte alla ragazza arrivano la madre e un’amica. Tutte pronte a menar le mani. Il risultato: “Schiaffi, calci, pugni, ciabattate e un guinzaglio roteato a mo’ di frusta”, elencano i Carabinieri chiamati dai vicini che assistevano alla rissa. Il compagno della 50enne ha appunto cercato di riportare la calma, ma il partner della 45enne ha creduto che stesse picchiando la moglie e la figlia è lo ha preso a pugni. I Carabinieri dicono di aver fatto anche “fatica” a riportare la calma.

Alla fine le quattro donne e il 53enne compagno della 45enne sono stati denunciati per rissa. Mentre il 42enne sceso dalla macchina per cercare di separare le donne e che è stato preso a pugni, non avendo partecipato ala rissa ma avendo comunque minacciato i vicini è stato denunciato per minaccia.

E, a quanto pare, a Reggio e dintorni scene del genere non sono proprio una rarità: è recentissimo il caso di un uomo e suo nipote denunciati per aver aggredito i vicini di casa. E i Carabinieri vedono in questi due episodi la “la conferma della tendenza registrata negli ultimi anni che vede l’aumento esponenziale della litigiosità tra le persone”.

30 gennaio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram