‘Ufficiale della Repubblica’ la signora che difese i migranti dallo ‘stronzo razzista’ della circumvesuviana

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha insignito dell'onoreficenza di Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana la donna che a novembre scorso difese un gruppo di migranti srilankesi e bengalesi dagli insulti razzisti di un giovane napoletano.

ROMA – Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha insignito dell’onoreficenza di Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana la donna che a novembre scorso difese un gruppo di migranti srilankesi e bengalesi dagli insulti razzisti di un giovane napoletano. La scena e’ stata ripresa in un video che e’ diventato virale sulla rete.

LEGGI ANCHE: Napoli, lite in treno dopo insulti a stranieri: “Non sei razzista, sei stronzo”

L’onoreficenza premia gli eroi civili della societa’ italiana. Il presidente la conferisce “a cittadine e cittadini che si sono distinti per atti di eroismo, per l’impegno nella solidarietà, nel soccorso, per l’attività in favore dell’inclusione sociale, nella cooperazione internazionale, nella tutela dei minori, nella promozione della cultura e della legalità. Tra i tanti esempi presenti nella società civile e nelle istituzioni, il Presidente Mattarella ha individuato alcuni casi significativi di impegno civile, di dedizione al bene comune e di testimonianza dei valori repubblicani. La signora Coppola e’ tra questi.

Ecco la motivazione del Quirinale.
Maria Rosaria Coppola, 62 anni (Napoli), Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana: “Per il coraggio e lo spirito di iniziativa con cui ha pubblicamente difeso un giovane straniero vittima di una aggressione razzista”

Dipendente del centro di produzione Rai di Napoli. Nel novembre 2018 mentre viaggiava su un treno della rete circumvesuviana ha difeso un ragazzo proveniente dallo Sri Lanka, vittima di una aggressione (verbale) razzista da parte di un giovane passeggero. Davanti al silenzio e all’indifferenza degli altri viaggiatori, è stata l’unica ad intervenire.

L’accaduto è stato filmato con lo smartphone da un altro viaggiatore e poi postato su Facebook. È diventato virale in pochissimo tempo. Nel video si vede il giovane che inveisce contro gli immigrati, lanciando accuse.

Nelle immagini si vede il giovane inveire contro un migrante di origine bengalese. “Sti piezz ‘e merda…”, dice il giovane. Maria Rosaria Coppola gli replica senza timore: “Sei tu che sei scemo! Scemo, razzista e aggressivo, vatti a buttare…”. Al che il ragazzo aggiunge: “Io non mi vergogno, l’Italia è nostra”.

E la signora Coppola: “Non sia mai! L’Italia è tua? Guarda preferisco sia la loro non la tua. Tu sei razzista e sei stronzo”.

Leggi anche:

29 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»