Legittima difesa, Renzi a Salvini: “Devi fare il ministro non lo sciacallo”

"Ciascuno può commentare come se fosse al bar questa vicenda- dice Renzi - C’è solo un uomo in Italia che non ha il diritto di farlo: il ministro dell’Interno"

Condividi l’articolo:

ROMA – “Un piccolo imprenditore ha ucciso un ladro che si era introdotto di notte nella sua azienda. Da quello che si legge, l’uomo era esasperato per aver subito 38 rapine negli ultimi anni. E pare che sia molto provato per ciò che è accaduto: ‘Non volevo ucciderlo, ho mirato alle gambe’ avrebbe detto. Ciascuno di noi può commentare come se fosse al Bar questa vicenda, triste e dolorosa. Ed è ovvio che riparta la discussione sulla legittima difesa. Oltre che le discussioni tra amici: giusto prendere il porto d’armi, no meglio non farlo, tu che avresti fatto al posto suo?, ha fatto bene, ha sbagliato, non aveva altre possibilità, una gomma non vale una vita umana, eccetera eccetera. Un dibattito duro, ma comprensibile”. Lo scrive su Facebook il senatore Pd Matteo Renzi.

“C’è solo un uomo in Italia che non ha il diritto di parlare come se fosse al Bar- aggiunge-. È il Ministro dell’Interno. Perché da lui dipendono la sicurezza e l’ordine pubblico, non le chiacchiere da bar. Il Ministro Salvini invece sta cercando di strumentalizzare questa vicenda, come ha sempre fatto quando era all’opposizione. Pensa solo ai sondaggi, lui. Ma noi non lo paghiamo per occuparsi di sondaggi: deve preoccuparsi che ci siano meno ladri in giro, più forze dell’ordine in strada, più sicurezza nelle nostre case. Dipende da lui, adesso, non può più dare la colpa a chi c’era prima”.

“Salvini sembra un passante che commenta l’incidente ma da sei mesi il suo ufficio è il Viminale, non Facebook. Non prenderò like, ma ribadisco il concetto perché certe cose vanno dette anche quando sei minoranza: se sei al Governo non puoi strumentalizzare, devi governare. Devi fare il ministro, non lo sciacallo”, conclude Renzi.

Leggi anche:

29 Novembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»