Lazio

All’aeroporto di Fiumicino atterra..Harry Potter

ROMA – La hall partenze del Terminal 3 si è trasformata in un vero e proprio palcoscenico coinvolgendo i passeggeri di tutto il mondo del Leonardo da Vinci. Ad esibirsi l’intera formazione dell’Orchestra Italiana del Cinema, con 80 elementi che ha suonato, per la prima volta, la nuova colonna sonora di ‘Harry Potter e la Camera dei segreti’, secondo episodio della saga britannica.

Grande l’entusiasmo dei passeggeri che hanno assistito numerosi all’esibizione, vedendo anche le immagini della saga sui megaschermi dell’aeroporto.

L’iniziativa nasce dalla partnership tra Aeroporti di Roma e Auditorium Conciliazione, per promuovere gli eventi culturali e di spettacolo della Capitale nella vetrina internazionale dello scalo di Fiumicino, intrattenendo i viaggiatori italiani e stranieri, nel loro tempo di permanenza prima del volo.

Leonardo da Vinci primo in Italia per eventi e spettacoli

L’evento odierno avvia le iniziative programmate da Adr in aeroporto per le festività natalizie, che vedranno un ricco programma di intrattenimento musicale e culturale a favore dei viaggiatori. Anche grazie agli eventi e agli spettacoli organizzati durante tutto l’anno, il Leonardo da Vinci si è confermato primo in Europa, secondo le opinioni dei passeggeri nelle classifiche ufficiali di Aci Europe, in termini di gradimento dei servizi offerti, in oltre 300 aeroporti in tutto il mondo.

Leggi anche Da Harry Potter alla realtà, a Firenze arriva la coppa del mondo di Quidditch

Lo spettacolo, presentato in anteprima a Fiumicino, debutterà a Roma l’1 dicembre, con repliche in programma il 2 e 3 all’Auditorium della Conciliazione. Sul palco dell’Auditorium il Maestro Justin Freer guiderà l’Orchestra di oltre 80 elementi ad interpretare dal vivo, in sincrono con le immagini, i dialoghi e gli effetti speciali del film, la magica partitura che valse a Williams, per questa singola pellicola, una nomination al Grammy Award  del 2004.

29 novembre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»