Bologna, parte il restauro Sala Borsa: “impacchettata” per un anno di lavori

BOLOGNA – Sala Borsa “impacchettata” per un lungo cantiere finalizzato al restyling della facciata di una delle biblioteche più note e amate di Bologna: i lavori, che consentiranno anche al restauro di tutti i suoi elementi decorativi e del coperto delle Collezioni comunali d’arte, durerà un anno. A spiegarlo è il Comune di Bologna, comunicando l’inizio del montaggio del ponteggio.

La prima fase delle operazioni, spiega l’amministrazione, riguarda il rilievo e le analisi per la verifica dello stato della facciata in cotto, dello stato di conservazione delle parti in arenaria e di tutti gli elementi decorativi della facciata. Ottenuti i risultati delle indagini seguiranno le operazioni di restauro. Nel corso della primavera e di tutta l’estate, il cantiere sarà interessato dai lavori di smontaggio del coperto esistente e di consolidamento del sottotetto delle sale delle Collezioni comunali d’arte, per poi procedere con il rifacimento del coperto per renderlo impermeabilizzato e coibentato. Partiranno, inoltre, i rilievi e la messa in sicurezza dei coperti oltre alla sostituzione degli infissi delle finestre delle Collezioni comunali. Le sale resteranno aperte, “offrendo al pubblico il riallestimento delle opere, attualmente collocate nelle sale interessate dai lavori- riferisce il Comune- secondo un nuovo criterio temporaneo”.

I lavori verranno realizzati dall’impresa Leonardo, che si è aggiudicata una gara di appalto con l’offerta economicamente più vantaggiosa che ha previsto, a totale carico dell’appaltatore, prestazioni migliorative a costo zero per l’amministrazione: la sostituzione degli infissi esistenti con altri “più performanti” e il miglioramento della coibentazione del tetto. Altra miglioria a costo zero, spiega il Comune, riguarda l’allestimento del cantiere che sarà schermato da teli trasparenti per “rendere più leggero l’impatto sulla città”, con i lavori visibili all’esterno. Si prevedono, inoltre, pannelli che descriveranno la storia del palazzo e illustreranno il contenuto delle Collezioni d’arte.

“Su queste superfici sono infatti previste proiezioni delle opere principali conservate all’interno del museo- anticipa Palazzo D’Accursio- con relative fotografie e descrizioni tecniche e storiche, oltre a banner illustrativi per descrivere le storia e le caratteristiche architettoniche di Palazzo d’Accursio, con individuazione delle principali fasi costruttive del complesso nel corso del tempo”. L’appalto, oltre alle lavorazioni riguardanti il corpo di fabbrica di Sala Borsa, prevede anche l’avvio di ulteriori lavori di riqualificazione delle arenarie esterne e dei merli superiori della Torre dell’Orologio, che inizieranno in primavera. Sono inoltre previsti alcuni lavori sulla facciata di Palazzo d’Accursio, come il restauro del baldacchino della Madonna di piazza.

di Maurizio Papa, giornalista professionista

29 Novembre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»