Emma compie 116 anni, è l’italiana più longeva di sempre. Gli auguri del presidente Mattarella

emma moranoCentosedici anni. Emma Morano, l’unica italiana ad essere nata prima del 1900, festeggia oggi il compleanno che ne fa la persona in Italia piu’ longeva di sempre. Un traguardo festeggiato anche con gli auguri del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

“Desidero felicitarmi con lei per l’eccezionale traguardo, mai raggiunto prima da un italiano, dei 116 anni di vita, traguardo che la colloca tra le persone più longeve di tutti i tempi”, scrive il capo dello Stato nel messaggio augurale.

“In questa lieta circostanza- aggiunge Mattarella- formulo, anche a nome di tutti gli italiani, i più affettuosi auguri e le invio i miei più cordiali saluti”.

La biografia – Emma Martina Luigia Morano è nata il 29 novembre 1899 a Civiasco (Vercelli). Nell’ottobre 1926 sposò, non senza qualche riserva, Giovanni Martinuzzi. Nel 1937 nacque l’unico figlio della coppia, che tuttavia morì dopo appena sei mesi di vita. L’unione con il marito non fu felice, soprattutto a causa di ripetuti maltrattamenti, così nel 1938 Emma decise, seppur rimanendo formalmente sposata, di separarsi di fatto dal marito, mandandolo via di casa.

Vive tuttora da sola e si occupa autonomamente di sé stessa e della sua casa, anche se riceve quotidianamente la visita di una nipote al mattino e di una vicina al pomeriggio. E’ una persona estremamente lucida, gioviale e con uno spiccato senso dell’umorismo, ancora in forma e piena di vitalità, come dimostrano le varie interviste rilasciate negli ultimi anni. Ha spesso affermato che il segreto della sua longevità è legato a diversi fattori: il rifiuto di assumere farmaci, il consumo quotidiano di uova e carne poco cotta, l’abitudine di bere ogni tanto un bicchiere di grappa fatta in casa e di mangiare qualche gianduiotto, ma soprattutto la volontà di pensare sempre in modo positivo al domani. (fonte Wikipedia)

29 Novembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»