Di Maio: “Tap non strategica, ma il Pd l’ha blindata”

ROMA – “Noi ci siamo battuti contro quest’opera e se fossimo andati al governo nel 2013 non si sarebbe fatta. Ma questo è successo nel 2018, dopo che il Pd e i governi precedenti hanno firmato accordi internazionali e con la società Tap. Noi non abbiamo cambiato idea ma quelli di prima hanno fatto in modo da blindare un’opera che per me non è strategica e si poteva evitare”. Lo ha spiegato il vicepremier Luigi Di Maio, parlando a Maddaloni (Caserta) dove partecipa alla presentazione del nuovo servizio Mercitalia Fast.

Il ministro ha voluto “ringraziare” il presidente del Consiglio Conte “per avere messo la faccia in prima persona” sul mancato stop al gasdotto.

Leggi anche:

Tap, Di Maio: “No alternative, penali da 20 miliardi”. Calenda: “Mente, si dimetta”

Tap, sindaco di Melendugno: “Lezzi in evidente status confusionale”

Di Maio: “M5S sotto attacco totale, chi si sfila ne renderà conto”

M5S, la rabbia della senatrice Fattori: “Facciamo cose da rincorrerci con i forconi”

Tap, bruciate bandiere M5S. Ma gli attivisti sperano ancora: “Lottate insieme a noi”

29 ottobre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»