Roma piegata dal vento; Arriva bando per ristrutturare beni confiscati; Parte bonifica stadio Flaminio

ROMA PIEGATA DAL VENTO, CENTINAIA INTERVENTI PER ALBERI E RAMI

Poca pioggia e nessun allagamento questa mattina a Roma. Sono stati invece gli alberi a causare danni in tutta la città. Centinaia le richieste di intervento per tronchi e rami caduti, in alcuni casi sulle auto in sosta. Da Roma Nord a Roma Sud, gli interventi dei Vigili del fuoco e della Polizia di Roma Capitale hanno riguardato varie zone della Capitale. In Via Giovanni Nicotera, a Prati, un grosso fusto è crollato su cinque auto parcheggiate, mentre i rami hanno fatto crollare parte del balcone del palazzo di fronte. In molti casi si è dovuto procedere alla chiusura delle strade, con conseguenze sulla viabilità, per consentire l’intervento dei mezzi di soccorso.

ZINGARETTI PRESENTA BANDO PER RISTRUTTURAZIONE BENI CONFISCATI

Un bando da 488 mila euro per la ristrutturazione dei beni confiscati alla criminalità. Lo ha presentato oggi il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, all’interno di un villino di tre piani di via Fulda 123, al Trullo, dove viveva Maria Dolores Zangoli, una delle narcotrafficanti collegata alla Banda della Magliana. La struttura sarà ora destinata a progetti in difesa dei diritti delle donne. “Nel 2019 rifinanzieremo associazioni, comuni e cittadini che associandosi vogliono prendere in gestione beni confiscati- ha spiegato Zingaretti- perchè nessuno lo dimentichi: le mafie chiudono spazi di libertà e noi li vogliamo riaprire in tutto il Lazio”.

AL VIA BONIFICA STADIO FLAMINIO, FRONGIA: VERSO NUOVA VITA

Al via da questa mattina l’intervento di bonifica dello stadio Flaminio, da anni abbandonato all’incuria e al degrado. Sul posto il personale dell’Ama che, attraverso muletti e miniruspe, ha iniziato a ripulire l’area dello storico impianto progettato dall’architetto Nervi per l’Olimpiade del 1960. L’intervento di bonifica costerà al Campidoglio 101 mila euro. Ad assistere ai lavori l’assessore capitolino allo Sport, Daniele Frongia: “Oggi facciamo il primo passo verso una nuova vita dell’impianto- ha spiegato – Stiamo lavorando con il Coni e la Federugby per trovare una soluzione definitiva di utilizzo sportivo”.

SCUOLA, DOPO IL MAMIANI OCCUPATO IL LICEO VIRGILIO

Dopo l’occupazione del Mamiani, ieri anche gli studenti del liceo Virgilio, in via Giulia, hanno occupato l’istituto. Una protesta annunciata, visto che nei giorni scorsi gli studenti avevano aderito a un manifesto contro il governo e i mancati investimenti sull’istruzione. In un post su Facebook il Collettivo autorganizzato Virgilio ha spiegato: “Insieme agli studenti di altre scuole romane è nata la volontà di contestare. Abbiamo deciso di opporci con forza a chi ha costruito la propria carriera politica su xenofobia, razzismo e omofobia, ma al tempo stesso, ci discostiamo dalla sinistra dei passati governi che ha svilito la scuola pubblica”.

29 ottobre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»