Pd, Renzi: “Non metto veti a sinistra”

PORTICI – “Io i veti non li metto e chiedo al Pd di superare gli insulti che abbiamo ricevuto, perche’ pensiamo che non si viva di veti e rancori. Non possiamo permetterci di mettere veti alla nostra sinistra, ma sapendo che non possiamo rinunciare alle nostre idee. Ma il problema e’ che al centro si deve essere piu’ aperti”, dice Matteo Renzi alla conferenza programmatica.

“Ma il problema e’ che anche al centro si deve essere piu’ aperti. E allora se c’e’ disponibilita’ da parte dei nostri compagni di strada, da un lato al centro e dall’altro a sinistra, di creare delle strutture, noi ci siamo. Ma senza rinunciare alle nostre idee”, aggiunge.

“Giochiamo pulito: piu’ prendera’ voti il Pd, piu’ lontane saranno le larghe intese. Meno voti prende, piu’ sara’ facile fare un governo di larghe intese. Non dipende da noi”, dice il segretario del Pd.

RENZI: GRANDE ABBRACCIO A GENTILONI, PUNTO E A CAPO

“Non entro nelle dinamiche di questa settimana perche’ noi siamo il partito democratico. Le istituzioni hanno deciso e ieri abbiamo accolto con un grande abbraccio il presidente del consiglio Paolo Gentiloni. Punto e a capo”, commenta Renzi.

 

29 Ottobre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»