Politica

“Renzi: Rischio zero inattuabile Verifica su ogni centesimo”

terremoto_amatrice_b_24082016

ROMA – “Lasciatemi essere chiaro, da padre prima che da premier. L’idea iper razionalistica di chi in queste ore dice ‘rischio zero’ è inattuabile. Da un lato l’Italia è troppo articolata per risolvere in partenza ogni problema legato alle calamità naturali. Dall’altro, io dico soprattutto, la pretesa di tenere sotto controllo la natura è miope e persino assurda. Ovunque nel mondo la Natura miete vittime per alluvioni, uragani, terremoti. E questo riguarda anche Paesi che noi giudichiamo più preparati del nostro: in tutto il mondo i lutti legati a calamità naturali sono numerosi”. Matteo Renzi, presidente del Consiglio e segretario Pd, lo scrive nella sua consueta enews. “Ma se mandiamo in soffitta la pretesa ideologica di chi vorrebbe tenere sotto controllo la natura, dall’altro è anche vero che non possono vincere i fatalisti che nel nome del destino continuano a costruire senza visione e strategia o impediscono di creare una cultura della prevenzione- dice Renzi- perché rincorrere quando potremmo anticipare?”.

VERIFICA SU OGNI CENTESIMO DI AIUTI

Sulla ricostruzione nelle zone colpite dal terremoto “ogni centesimo di aiuti sarà verificabile a cominciare da quelli inviati via sms dagli italiani al numero della protezione civile“. Così il premier Matteo Renzi nella enews.

LEGGI ANCHE: Terremoto, grazie a sms solidale raccolti dieci milioni di euro

“RICOSTRUIRE IN FRETTA, MA MASSIMA TRASPARENZA”

“C’è una ricostruzione da coordinare nel modo più saggio e più rapido. Giusto fare in fretta, ma ancora più giusto fare bene e soprattutto con il coinvolgimento delle popolazioni interessate”. Così il premier Matteo Renzi nella enews. “La ricostruzione dovrà avvenire nel modo più trasparente con l’aiuto di strutture che abbiamo voluto con forza come l’Autorità Anti Corruzione presieduta da Cantone ma anche con la massima trasparenza online“, sottolinea.

“NON BASTA RICOSTRUIRE, BISOGNA PREVENIRE”

terremoto_amatrice_distruzioneQuello che in caso di eventi sismici in passato “non sempre è stato fatto è andare oltre l’emergenza, oltre la ricostruzione. Perché sull’emergenza l’Italia è forte. Sulla ricostruzione ci sono pagine di assoluta efficienza e pagine che invece andrebbero cancellate, lo sappiamo. Ma quello che in passato è spesso mancato è la costruzione di un progetto paese basato sulla prevenzione: non solo reagire, non solo ricostruire, ma prevenire. E dunque serve un deciso cambio di mentalità”. Matteo Renzi, presidente del Consiglio e segretario Pd, lo scrive nella sua consueta enews. “Nessuno di noi potrà bloccare la natura, ma perché non cambiare mentalità e lavorare – tutti insieme – a un progetto che tenga più al riparo la nostra famiglia, la nostra casa?- prosegue Renzi- questo è il senso del progetto Casa Italia che nei prossimi giorni presenterò a tutti i soggetti interessati, ai professionisti, ai rappresentanti di comuni e regioni, ai sindacati e alle associazioni di categoria, agli ambientalisti e ai costruttori”. In Casa Italia “immagino di inserire non solo i provvedimenti per l’adeguamento antisismico- precisa il presidente del Consiglio- ma anche gli investimenti che stiamo facendo e che continueremo a fare sulle scuole, sulle periferie, sul dissesto idrogeologico, sulle bonifiche e sui depuratori, sulle strade e sulle ferrovie, sulle dighe, sulle case popolari, sugli impianti sportivi e la banda larga, sull’efficientamento energetico, sulle manutenzioni, sui beni culturali e sui simboli della nostra comunità. Un progetto che coinvolga concretamente – non a chiacchiere – tutti i cittadini interessati a dare una mano alla comunità del nostro Paese”.

“DOLORE  E REAZIONE, L’ITALIA E’ FAMIGLIA COLPITA”

terremoto_amatrice“Il dolore e la reazione. In queste ore l’Italia è una famiglia colpita”. Così il premier Matteo Renzi nella enews. “Le storie che Amatrice, Accumoli, Arquata, Pescara del Tronto ci consegnano sono storie di disperazione e di morte. Non basterà una vita ad asciugare le lacrime di quella mamma che ha perso il marito e i figli. Di quei genitori che non abbracceranno più la loro piccola creatura. Di quella bambina salvata dalla sorellina più grande a prezzo della vita. Di quel ragazzo rimasto orfano che il prossimo anno farà l’esame di maturità senza avere più i genitori a casa cui raccontare come è andata la versione”, sottolinea. “Perché, vista da fuori, la contabilità dei numeri di un terremoto può apparire una fredda questione di cifre. Ma quei numeri che si calcolano in decine, poi in centinaia, sono storie di persone, nostri fratelli, membri della nostra famiglia colpita. E allora il dolore si fa spazio, prepotente, cattivo dentro la quotidianità del Paese”, continua.

“In questi casi l’Italia sa come fare a reagire. Siamo bravi e generosi, specie nei momenti di difficoltà. La gestione dell’emergenza da parte della Protezione Civile è stata efficace e tempestiva”, ricorda il premier Matteo Renzi nella enews. “Ci sono 238 persone che sono state strappate dalle macerie dalla professionalità dei Vigili del Fuoco e dei soccorritori: un numero impressionante. E le colonne mobili di donne e uomini con la divisa o volontari ha immediatamente circondato i luoghi del sisma con un abbraccio concreto, operativo, immediato. Gli amministratori di comuni e regioni stanno lavorando dal primo minuto con dedizione e pazienza. “Siamo orgogliosi di questa reazione. Siamo fieri di questo meraviglioso popolo italiano. Il popolo che è arrivato ad Amatrice sin dal giorno stesso ma anche il popolo che organizza le spaghettate all’amatriciana in tante piazze d’Italia come concreta solidarietà, che educa i bambini di tutto lo Stivale a donare un pallone o un giocattolo, che fa sentire la propria vicinanza con le donazioni”, conclude.

LEGGI ANCHE:

Terremoto, Renzi chiama Errani a fare il commissario per la ricostruzione

Terremoto, Enpa: “Salvati dalle macerie oltre 200 animali”/FOTO

Terremoto, il papa: “Spero di venire presto a trovarvi”

Terremoto, nei 58 campi 2.690 persone. Le vittime sono 290

29 agosto 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»