AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

Report della commissione Sanità del 28 giugno

SAN MARINO – Nella terza giornata di lavori della commissione consiliare IV^, l’esame del Progetto di legge del “Nuovo testo unico delle Leggi Urbanistiche ed Edilizie” riparte dall’articolo 26 “Criteri per a determinazione delle indennità” su cui il confronto era stato sospeso in seduta notturna, conclusa solo alle 4 di mattina. Oggetto di discussione sono gli articoli nella sezione V “Delibera di espropriazione” sulle procedure di espropri, relative indennità e sui possibili rifiuti delle indennità A riguardo, all’Articolo 31, “Non accettazione dell’indennità di espropriazione”, tutti i commissari di minoranza contestano l’emendamento del governo che introduce per l’espropriato la possibilità rivedere l’indennità concessa, facendo ricorso anche alla Commissione per le politiche territoriali.

Tale novità infatti viene ritenuta un atto distorsivo e discrezionale in capo ad un organismo politico, mentre di competenza, ritengono, piuttosto della commissione di Stima o del giudice amministrativo. Per tanto i commissari di minoranza chiedono il ritiro dell’emendamento del governo. Il segretario di Stato per il Territorio, Augusto Michelotti, al contrario, replica alle contestazioni motivando l’emendamento come una semplificazione che può snellire l’iter relativo ai ricorsi. L’emendamento del governo viene dunque accolto e la Commissione passa ad affrontare gli articoli relativi alla sezione VI, “Occupazione temporanea e occupazione d’urgenza”, alla sezione VII, “Servitù prediali pubbliche”infine alla sezione VII, “Limiti di vicinato”.

I lavori si interrompono all’articolo 46 e riprenderanno in seduta notturna.

29 giugno 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988