Osa, Milanese: “Guardiamo al futuro con la professionalità di sempre”

ROMA – La cooperativa Osa, presieduta dal presidente Giuseppe Milanese, apre la stagione di assemblee separate dei soci che si terranno in molti regioni italiane, dalla Lombardia all’Abruzzo, dalla Sicilia alla Puglia. E si concluderanno con l’ultima nel Lazio il 27 giugno prossimo con l’approvazione del bilancio e il nuovo Consiglio d’amministrazione. Un momento per fare il punto sui risultati conseguiti e gli obiettivi futuri.

“Abbiamo chiuso il bilancio del 2017, ed e’ in attivo, sono cresciuti il fatturato cosi’ come gli operatori e gli assistiti- ha detto Milanese in una intervista alla Dire- Il sentimento provato e’ di gratitudine per tutto quello che abbiamo fatto insieme. Tra gli obiettivi futuri c’e’ quello di proseguire nell’opera di collegamento con i nostri assistiti, costruendo quella comunita’ reale che e’ l’unione tra gli operatori e i pazienti e continuare a sviluppare nei territori progetti nuovi che siano confacenti e corrispondenti ai bisogni della gente, e quindi fare di Osa una cooperativa sociale sempre piu’ grande, sempre piu’ ricca di esperienze”. Lanciato l’hashtag ufficiale dell’Assemblea Osa 2018: #50MILAVOLTIOSA. “Siamo 3.694 soci che si prendono cura di 46.578 assistiti- ha spiegato il presidente Milanese- In tutto siamo 50.272 persone, persone che per noi hanno un volto, una storia. E per loro lavoriamo ogni giorno. Quindi parte questa campagna che chiedo a tutti i soci di appoggiare e supportare”. L’ hashtag accompagna le assemblee, “cinque periferiche in Sicilia, Puglia, Abruzzo, Lombardia e Lazio, e ne faremo anche tre di settore perche’ abbiamo anche l’assistenza domiciliare in outsourcing e il sociale. Quindi- ha aggiunto- in totale otto assemblee per completare poi il 27 giugno con l’approvazione del bilancio e il nuovo Consiglio d’amministrazione. Quest’ultimo sara’ proposto da 77 dirigenti che suggeriranno una lista composta da persone e quindi da amministratori che potranno portare avanti la sfida di Osa nei prossimi tre anni. Per crescere la cooperativa deve ricordare il suo esordio in quel garage di via di Tor Vergata, una comunita’ nata dal bisogno di noi giovani medici e della gente di essere assistita nelle periferie. In questo orizzonte- ha concluso il presidente Milanese- ci muoveremo nei prossimi tre anni”.

 

29 maggio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»