Lazio

Scuola. Film e cucina, a Roma tappa finale ‘Spaghetti&cinema’

ROMA – Cinema, cucina e scuola. Con l’evento finale di stamattina a villa Torlonia, a Roma, arriva a conclusione ‘Spaghetti&cinema – A scuola di gusto con immagini e ricette‘, progetto promosso dalla Regione Lazio con Arsial, a cura del progetto Abc-Arte bellezza cultura e in collaborazione con Roma Capitale e Roma Lazio Film commission.

IL PROGETTO

Il progetto – rivolto agli istituti agrari e alberghieri del Lazio – ha proposto alle scuole la realizzazione di video che prendano spunto da alcuni film entrati nella storia del cinema e legati da un unico filo conduttore: il cibo. I lungometraggi – ‘Miseria e nobilità’ di Mario Mattoli, ‘Lezioni di cioccolato’ di Claudio Cupellini e ‘Amore, cucina e curry’ di Lasse Hallstrom – hanno ispirato i lavori dei ragazzi per il contest ‘Percorsi di gusto’, due dei quali premiati oggi dall’amministratore unico di Arsial, Antonio Rosati, e dal coordinatore del progetto Abc, Giovanna Pugliese.

Nella giornata conclusiva di ‘Spaghetti&cinema’ sono intervenuti anche gli attori Massimo Ciavarro, Maria Sole Tognazzi e Massimo Bruno. Questi ultimi hanno portato la loro testimonianza diretta su quello che rappresenta il rapporto tra cinema, gusto e valorizzazione dei prodotti tipici del territorio.

ROSATI: “RAGAZZI AMBASCIATORI DI ECCELLENZE”

“Il cinema si è sempre interessato al cibo con film straordinari che hanno fatto la storia. E’ una formula per avvicinare i ragazzi alla nostra storia, alle nostre eccellenze, all’educazione alimentare e contro lo spreco di cibo“. Così, all’agenzia Dire, l’amministratore unico di Arsial, Antonio Rosati. “Il progetto- ha aggiunto Rosati- è un modo per esaltare i nostri prodotti, per questo ci crediamo. Cultura, turismo e cibo sono un grande volano di sviluppo e i ragazzi possono diventare ambasciatori di prodotti tipici, ricette particolari. Un modo simpatico e intelligente di fare sistema“.

29 maggio 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»