Vaccini, l'Emilia Romagna tira dritto: obbligatori nei nidi. In regione 52 casi di morbillo - DIRE.it

Emilia Romagna

Vaccini, l’Emilia Romagna tira dritto: obbligatori nei nidi. In regione 52 casi di morbillo

vacciniBOLOGNA – Sui vaccini obbligatori per l’iscrizione al nido “non arretreremo di un millimetro. La nostra linea ferma è giustificata”. Una scelta “che vogliamo fare per proteggere i più deboli, gli operatori e la comunità”. L’assessore regionale alle Politiche per la salute dell’Emilia-Romagna Sergio Venturi sta sul punto: Viale Aldo Moro non vuole assolutamente mollare sulle vaccinazioni obbligatorie per avere accesso agli asili nido.

Tanto più dopo la pubblicazione da parte di “Epicentro”, l’Osservatorio epidemiologico dell’Istituto superiore di sanità (Iss), dei dati sul morbillo in Italia, che vedono l’Emilia-Romagna al terzo posto quest’anno per numero di casi. I numeri, infatti, sottolinea la Regione, fanno emergere che, dopo Lombardia (87 casi) e Campania (72), l’Emilia-Romagna è la terza regione in Italia quest’anno per numero di casi (52), davanti al Lazio (37).

29 maggio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»