Riconoscimento bimba a due papà, Meloni: “Così si apre vaso di Pandora”

ROMA – “Con il riconoscimento della ‘figlia di due padri’ da parte del Comune di Roma si apre un vaso di Pandora. Se, infatti, l’argomento utilizzato è che, in base al diritto internazionale, l’Italia è tenuta a riconoscere lo stato civile di un nucleo familiare riconosciuto all’estero, allora segnalo sommessamente che si va verso il riconoscimento anche della poligamia o dei matrimoni con bambine di 9 anni, diffusi oggi in molte nazioni del mondo. Certo, resiste la fragile norma secondo la quale queste unioni non devono essere ‘contrarie all’ordine pubblico’. Ma per quanto ancora? Perché se va bene la barbarie di strappare i figli al grembo materno pagando, andrà bene anche quella di avere tre mogli sottomesse o minori. Noi non ci rassegneremo mai a questa deriva nichilista che ci riporta indietro di centinaia di anni di conquiste di civiltà”. È quanto scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Leggi anche:

A Roma un asilo ‘stoppa’ festa di mamma e papà. Monta la polemica

Ti potrebbe interessare anche:

Dalle Marche tre storie di famiglie ‘arcobaleno’

Fausto ed Elvin che a 50 anni hanno fatto entrare in casa loro Elvin, un ragazzo di 23 anni arrivato a piedi dalla Germania. Nicola ed Emanuele e il loro bimbo di due anni, Tommaso. Angela e Margherita e il tentativo di avere un figlio in Spagna. Tre storie di chi la legge sulle Unioni civili la aspetta da tanto tempo

Leggi Tutto »
29 Aprile 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»