Milano, Confalonieri: “Conti Expo entro fine maggio”

Confalonieri Gianni

MILANO – “Il bilancio verrà presentato probabilmente entro maggio. Questa è una richiesta che è stata fatta. La conclusione della liquidazione“, considerando uno slittamento di 60 giorni, “avverrà presumiamo entro luglio“. Queste le parole di Gianni Confalonieri, rappresentante del Comune di Milano nell’assemblea soci di Expo all’uscita del vertice tra il collegio dei liquidatori e i soci dove sono stati visionati il rendiconto sulla gestione, il conto economico e lo stato patrimoniale della società al 31 dicembre 2015 e relativa integrazione fino al 18 febbraio 2016, data di effettivo insediamento dei liquidatori.

Confalonieri spiega come a seguito del credito che Expo ha nei confronti di Arexpo, “ci sarà un problema di cassa nei prossimi mesi e bisognerà troverà il modo per affrontarlo. Sapendo che non c’è un problema di buco di bilancio, perché se i 75 milioni (pari al debito di Arexpo, ndr) venissero dati in questo momento non ci sarebbe nessun problema”. Il rappresentante di Palazzo Marino specifica che “questo rapporto tra Expo e Arexpo, a livello di bilancio non pone più nessun problema perché i 75 milioni che Arexpo deve dare a Expo arriveranno in tranche alla fine di giugno del prossimo anno”, anche se “a livello di copertura non ci sono più problemi”.

Confalonieri rende noto che “nel 2016 servono circa 35 milioni per realizzare ciò che i soci hanno chiesto per smantellamento e manutenzione del sito“, mentre “i dipendenti Expo stanno per essere trasferiti ad Arexpo secondo accordi sindacali”, inoltre “sono stati richiesti contributi ai soci: il Comune ha dichiarato la disponibilità a prenderlo in considerazione, ma certo noi siamo in fase di chiusura amministrazione e non siamo in condizione di mettere soldi in questo momento”. Comunque, stando all’esito dell’incontro “Il rendiconto che ha firmato Sala conferma e aggiorna il preconsuntivo e il passaggio (tra Expo e Arexpo, ndr) ha reso possibile una serie di risparmi passati da 14,2 a 30 milioni“. Per effetto delle spese sostenute per la manutenzione del sito il risparmio si è abbassato a 23 milioni.

di Nicola Mente, giornalista

29 Aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»