Lazio

Il Forte Prenestino compie 30 anni. E festeggia con un libro

Fortopia - Storie d’amore e d’autogestione8383bd

ROMA – Il Primo maggio 2016 il Forte Prenestino – tra i più celebri e importanti centri sociali d’Italia – occupato nel 1986 compie 30 anni, “30 anni di occupazione ed autogestione, 30 anni di azione collettiva, di progetti, di laboratori, di iniziative, di socialità, ricerca, cultura, resistenza”, segnalano dal sito del Forte. E la ormai tradizionale ‘festa del non lavoro’ del Primo di maggio (34esima edizione) sarà anche l’occasione per acquistare ‘Fortopia – Storie d’amore e d’autogestione’, autoprodotto dal C.S.O.A. Forte Prenestino per le edizioni Fortepressa – La Bagarre Onlus. Sono 440 pagine a colori copertina quadricromia: disegno e progetto cromatico di Zerocalcare, colori di Enrico D’Elia, copertina serigrafata di Ynfidel, tiratura 1.600 copie di cui 300 con copertina serigrafica a cura di 0stile, serigrafia del Forte Prenestino.

Fortopia - Storie d’amore e d’autogestione

“Chi quel giorno ruppe la catena non avrebbe mai immaginato che questa storia sarebbe durata così a lungo- spiegano dal Forte- oggi pubblicare e diffondere questo libro è più importante che mai, visto l’attacco che stanno subendo gli spazi sociali di Roma. Un attacco concentrico e continuato di fronte al quale è necessario raccontare a voce alta la nostra storia, fatta di esperienze che hanno reso questa città più viva, vitale, sostenibile”.

Una storia collettiva di chi il Forte lo ha vissuto. Attorno alla voglia di raccontare i trent’anni del Forte Prenestino si sono infatti attivate molte energie. “Abbiamo chiamato a raccolta persone che si erano allontanate dalla vita quotidiana del Forte, ma non hanno esitato a rimettersi in gioco- spiegano- abbiamo chiesto a tutti quelli che hanno attraversato il centro sociale di mandarci un contributo, di raccontarci una storia, e in poco tempo siamo stati sommersi di memorie e racconti“.

29 aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»