VIDEO | Congresso mondiale delle famiglie, Amato: “Abolire divorzio, 194, eutanasia e unioni civili”

L'avvocato Gianfranco Amato: "Legge utilizzata per imporre dittatura"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VERONA – La prima legge da abolire “è quella sul divorzio, perché l’indissolubilità del matrimonio, della cellula della società cioè la famiglia, serve allo Stato. Lo Stato laico ha bisogno che la struttura sociale sia garantita. La liquidità della cellula porta alla liquidità della società, quindi all’autodistruzione dello Stato”. Lo sostiene l’avvocato Gianfranco Amato.

LEGGI ANCHE

A Verona via a Congresso famiglie, Gandolfini: “Su aborto il diritto del bambino viene prima”

VIDEO | Grillo: “Quello di Verona è un congresso di estrema destra, per loro omosessualità è come satanismo”

“Poi va abolita certamente la legge sull’aborto, perché il riconoscimento per legge della possibilità di uccidere un essere innocente e indifeso anche dal punto di vista pedagogico è aberrante”. Anche “la norma sull’eutanasia, e questa legge sul testamento biologico è certamente il primo passo che porta verso una scelta di morte”. Poi “la fecondazione artificiale, questa idea che comunque l’uomo si possa creare in provetta”.

E infine “l’ultima legge da abolire è quella sulle unioni civili, anche perché è fatta proprio male. Nel senso che questa legge ha dei punti di ambiguità che contraddicono la stessa sentenza del 2010 della Corte costituzionale. Parla di famiglia dentro le unioni civili, quindi attacca il concetto di famiglia previsto dall’articolo 29 della Costituzione: società naturale fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna”.

AMATO: LEGGE UTILIZZATA PER IMPORRE DITTATURA

 “La dittatura del pensiero unico, che è una dittatura vera e propria, sta utilizzando la funzione legislativa per imporsi”. Lo sostiene l’avvocato Gianfranco Amato, oggi al Congresso mondiale delle famiglie. E cita San Tommaso d’Aquino per spiegare un uso ‘sano’ della funzione legislativa: ‘la legge è una prescrizione della ragione in vista del bene comune, da parte di chi ha responsabilità di guidare la comunità’. Ma se la legge- sottolinea Amato- viene utilizzata per imporre un’ideologia per cambiare la mentalità, la cultura di un popolo, è pericoloso e tipico dei sistemi totalitari”.

Ma qual è il pensiero unico? Quello che vuole imporre “la lobby del divorzio, dell’aborto, dell’eutanasia, della fecondazione artificiale, questa lobby globalista, sono le Nazioni Unite, il Bilderbeg Group, un personaggio come Soros che candidamente lo dice, i neomatusiani, quelli che sostengono che siamo troppi nel mondo e che bisogna ridurre la popolazione-prosegue Amato- Da qualcuno di loro ho persino sentito dire che l’omossesualità è la forma più perfetta di amore perché non procrea”.

Insomma, “aveva ragione Pasolini, ultimo grande intellettuale italiano, moralmente indifendibile ma oggettivamente intelligente, quando profetizzò l’avvento della dittatura, che è la peggiore della storia dell’umanità perché è senza volto, transazionale, globale”. “Quella che stiamo vivendo è la dittatura peggiore- conclude Amato- non ha un volto, è indefinito, mentre il nazismo aveva il volto di Hitler, il comunismo il volto di Stalin, la Cina il volto di Mao”.

G. GRILLO: LEGGE 194 NON IN DISCUSSIONE, È STORIA NOSTRO PAESE

La legge 194 “non è in discussione, e peraltro non è nel contratto di governo. E’ una legge che fa parte della storia del nostra del nostro paese, non è né di destra né di sinistra, è una legge di civiltà”. Così il ministro della Salute Giulia Grillo, intervenendo a Rai Radio1 ‘In Vivavoce’.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

29 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»