Malta, in manette cinque migranti per il dirottamento del mercantile

Ora gli arrestati incorreranno in un procedimento giudiziario, mentre donne e minori sono stati trasportati in centri di accoglienza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Le autorità di Malta hanno arrestato cinque persone sospettate di essere responsabili del dirottamento di un mercantile, El-Hiblu 1, che aveva salvato circa cento migranti alla deriva nel Mediterraneo. La El-Hiblu 1, una volta prese a bordo le persone – tutte disarmate – ha fatto rotta verso la Libia per riportare indietro i naufraghi. Preoccupati, alcuni migranti hanno quindi assunto il controllo dell’imbarcazione e puntato verso il porto europeo più vicino, quello di La Valletta.

Leggi anche: Migranti, in corso a Malta lo sbarco del mercantile dirottato

Le autorità nella prima mattinata di ieri hanno tuttavia proceduto ad abbordare il mercantile e provveduto a prendere in carico i migranti a bordo. Ora gli arrestati incorreranno in un procedimento giudiziario, mentre donne e minori sono stati trasportati in centri di accoglienza. 

Da tempo i difensori dei diritti umani avvertono che la Libia non è un Paese sicuro per chi decide di emigrare, denunciando che nei centri di detenzione – legali o illegali – si perpetrano violenze, con minacce, torture, violenze sessuali, anche su donne e minori. Non verrebbero inoltre garantiti i bisogni di base quali cibo, servizi ingienico-sanitari e assistenza medica, come attestano diversi report delle Nazioni Unite o inchieste giornalistiche. 

A oggi però i Paesi europei risultano profondamente divisi sulla politica da adottare sulla questione migratoria.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

29 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»