Toscana

“Il prezzo non è giusto”, i produttori toscani vogliono aumentare il vino

uva_viti_vino

FIRENZE – “La prossima mossa come produttori è quella di aumentare i prezzi di vendita dei nostri vini. Questo è uno degli argomenti che affronteremo nei prossimi Cda di Avito. Spesso, a differenza di altre realtà come la Francia, non siamo bravi a vendere al giusto prezzo i nostri prodotti. Dobbiamo intraprendere questa strada e aumentare i prezzi perché questo chiedono i produttori“. Lo ha affermato il presidente di Avito, l’associazione che riunisce i consorzi dei produttori di vino toscano, Fabrizio Bindocci.

Proprio oggi il presidente della Giunta regionale, Enrico Rossi assieme all’assessore all’Agricoltura, Marco Remaschi ha incontrato a palazzo Strozzi Sacrati i rappresentanti di Avito. “È giusto che i produttori abbiano una fonte di reddito importante a fronte del grande impegno e lavoro svolto- ha ricordato- in questo momento è più importante lavorare sull’aumento del prezzo che non sull’aumento del numero di bottiglie prodotte. Un consorzio non può influire sulla politica dei prezzi delle singole aziende e non può, per legge, suggerire un prezzo minimo ai propri soci. Possiamo però essere di stimolo visto anche la presenza di prodotti qualità e di una domanda estera che tira. Occorre che il produttore abbia la giusta remunerazione per il lavoro svolto“.

Di Carlandrea Poli, giornalista

29 marzo 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»