In Repubblica Ceca manifestazione pro-Tibet contro Xi Jinping, 12 arresti - DIRE.it

Europa

In Repubblica Ceca manifestazione pro-Tibet contro Xi Jinping, 12 arresti

xi jinpingROMA – In Repubblica Ceca ieri la polizia ha arrestato 12 manifestanti e rimosso tutte le bandiere tibetane con cui un gruppo di sostenitori dell’antico Regno buddista volevano accogliere la visita del Presidente cinese Xi Jinping, a Praga, lungo la strada che collega l’aeroporto alla capitale. E’ accaduto ieri, come riportano fonti di stampa internazionali.

Poco prima dell’atterraggio del leader cinese – che si trattera’ in Repubblica Ceca fino a mercoledi’ – decine di persone hanno espresso il loro disaccordo per la visita del Segretario generale del Partito comunista, contestando le politiche discriminatorie e oppressive di Pechino nei confronti del Tibet. Alcuni di loro si sono anche incatenati ai pali della luce mentre violenti scontri hanno avuto luogo con un gruppo di sostenitori del Presidente Milos Zeman, favorevoli alle sue politiche pro-Cina. Quest’ultimo non vuole infatti rinunciare ai cospicui investimenti dell’omologo cinese – pari a 14,4 miliardi di dollari – per questo ha consentito che i colloqui bilaterali avessero luogo nel Castello di Praga e in quello di Lany, mai impiegato in passato per occasioni di questo tipo. il viaggio e’ inoltre occasione per avviare nuovi rapporti con la Comunita’ degli Stati dell’Europa centrale e orientale.

La Repubblica Ceca in passato ha dato ampio sotegno alla causa tibetana e all’indipendenza di Taiwan, ma oggi il governo sta compiendo una rapida virata: questa e’ la prima volta che Praga invita un leader cinese, mentre Zeman e’ stato l’unico in Europa a prendere parte ai festeggiamenti ufficiali per il 70esimo anniversario della fondazione dell’Esercito di liberazione popolare cinese. Secondo l’agenzia filogovernativa Xinhua, l’aereo con a bordo il Presidente Jinping e’ stato scortato dai caccia dell’aviazione militare ceca. I principali organi di stampa cinese non fanno tuttavia cenno agli scontri, anzi sottolineano “gli storici legami di amicizia” tra i due paesi, resi difficili solo a causa “della distanza geografica” e dallle “circostanze dettate dal contesto internazionale”. Nel corso della visita i due leader hanno anche piantato un albero di ginkgo, un gesto di buon auspicio poiche’ l’arbusto nella cultura cinese indica l’amicizia che resiste nel tempo

29 marzo 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»