BOZZA / PD - DIRE.it

Articoli

BOZZA / PD

ROMA – “La sfida è tra il Partito Democratico e il Movimento 5 Stelle, il centrodestra è una fake news”, dice Matteo Renzi, ignorando i sondaggi.

In realtà, il segretario dem sa bene che le probabilità di avere un parlamento senza maggioranza sono alte. La sfida diventa allora un “corpo a corpo in ogni collegio con i 5 Stelle”, per determinare la lista con il maggior numero di parlamentari, la forza politica che potrebbe legittimamente pretendere di ottenere l’incarico di governo dal Presidente della Repubblica.

Fondamentali, in quest’ottica, gli alleati: dopo la scissione a sinistra ed il fallimento di Giuliano Pisapia, i dem hanno trovato l’appoggio della lista +Europa dei Radicali di Emma Bonino e della Civica Popolare del ministro della Salute Beatrice Lorenzin, oltre a Verdi e Socialisti confluiti nella lista ‘Insieme’.

“Continuità” sarà il leit motiv della campagna elettorale dem: l’economia è in crescita “per merito del governo”, ci sono “un milione di posti di lavoro in più grazie al Jobs Act”, non si può lasciare il paese a “Mr Spread” Berlusconi nè tantomeno ai “fascio-grillini”.

L’operato del governo è rivendicato in toto, i ministri schierati nei collegi chiave mentre le liste, aspramente criticate dalla minoranza dem, vedono un gran numero di persone “molto fedeli al segretario”, pronte a garantirgli mano libera nei lunghi valzer parlamentari che inizieranno il 5 marzo.

Fotogallery | I protagonisti

Add Your Heading Text Here

asdasdasdasdasdadasdadasdadadad

adsadadadasdadasdadasdasda

asddadadadadadadad

adadadasdasdasdasdasdasasd

 

29 gennaio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»