Mustillo: "I comunisti in corsa in tutto il Lazio, da noi un segnale contro tracollo sinistra" - DIRE.it

Lazio

Mustillo: “I comunisti in corsa in tutto il Lazio, da noi un segnale contro tracollo sinistra”

ROMA – “Depositate le liste del Partito Comunista per tutti i collegi del Lazio alla Camera e al Senato. Capolista a Roma, Alessandro Mustillo, 28 anni, già candidato sindaco per la capitale nella scorsa tornata amministrativa, che raccolse oltre 10 mila preferenze. Insieme a lui correranno per i comunisti, Walter Ambrosecchio, lavoratore di Almaviva tra i protagonisti delle lotte del comitato dei lavoratori licenziati; Giulia Maderni, giovane infermiera, l’ex candidata alla presidenza del IV municipio con la lista sinistra in Tiburtina, Sara Padroni, la rappresentante sindacale dei lavoratori Tim Eleonora D’Antoni. Capolista al Senato il segretario regionale Fabio Massimo Vernillo“.

MUSTILLO: “SEGNALE IMPORTANTE ESSERE IN TUTTI I COLLEGI”

“Vorrei ringraziare gli oltre 3.000 cittadini di Roma e del Lazio che in poco meno di un mese hanno sottoscritto le nostre liste e i tanti militanti che hanno fatto banchetti e raccolte in tutta la regione consentendo la partecipazione del Partito Comunista alle elezioni.

Raggiungere il risultato in tutti i collegi del Lazio è un segnale importante. Sono particolarmente fiero che nelle nostre liste siano presenti lavoratori che in questi anni hanno guidato lotte importanti, come quelle di Almaviva e della Tim. Per noi le elezioni sono un modo per dare voce a queste lotte, per rafforzare la ricostruzione comunista a Roma e in tutta Italia. Da domani inizia un grande lavoro per rompere la censura mediatica, per far sapere a tutti i cittadini che il Partito Comunista c’è e si rafforza, per dare un segnale di fronte al tracollo di una sinistra che ha tradito gli interessi delle classi popolari. Oggi c’è bisogno dei comunisti”. Così in un comunicato Alessandro Mustillo, capolista a Roma del Partito Comunista.

29 gennaio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»