AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE lazio

Comunali a Roma, ok alle regole per le primarie del Pd: voto a sedicenni e immigrati, e codice etico da rispettare

roma_campidoglioROMA – Voto per sedicenni e immigrati, un codice etico da rispettare, 2mila firme per la presentazione delle candidature e misure per evitare i ‘doppi voti’. Il tavolo di coalizione che riunisce Pd, Verdi, Centro democratico, Idv, Psi, Scelta civica, Democrazia solidale e Rete dei cittadini, ha approvato il regolamento per le primarie del centrosinistra a Roma. Ad annunciarlo il segretario del Pd del Lazio, Fabio Melilli, al termine dell’incontro nella sede del partito regionale di via degli Scialoja.

“Abbiamo varato il regolamento, ora verranno istituiti tre comitati: quello organizzativo, ce ne sarà uno per ogni Municipio per decidere seggi, luoghi e scrutatori, uno per il programma, che definirà le linee guida che verranno sottoscritte da tutti i candidati e infine una commissione di garanzia”, ha spiegato Melilli. Tra le altre cose “abbiamo approvato il voto per sedicenni e immigrati e inoltre ogni seggio avrà uno stradario per evitare i doppi voti”. Confermata la ‘clausola’ sul tetto di spesa, che però “verrà stabilito nella prossima riunione alla presenza dei candidati”.

Anche per Gianfranco Mascia, portavoce romano dei Verdi, “la riunione è andata molto bene, abbiamo licenziato il regolamento delle primarie che prevede alcuni step, come la data del 10 febbraio come la scadenza per la presentazione delle candidature, e da domani saranno disponibili i moduli per la raccolta delle firme. Come da noi richiesto- ha sottolineato Mascia- ci sarà inoltre un codice etico per i candidati e anche un tetto di spesa per garantire legalità e correttezza visto che usciamo dalla vicenda di Mafia Capitale: il codice sarà all’ordine del giorno del prossimo tavolo organizzativo. Per quanto riguarda il programma abbiamo chiesto che venga licenziato prima della consegna delle firme”.

29 gennaio 2016

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988