AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

Pari opportunità, l’Authority: “Ripristinare numero emergenza per violenze”

SAN MARINO – Riattivare il numero per le emergenze, mettere a regime il centro per l’ascolto delle vittime e predisporre piani di formazione: queste le proposte discusse dal tavolo tecnico istituzionale impegnato sul fronte della prevenzione e repressione della violenza contro le donne e di genere. Mentre a Strasburgo la Reggenza sta portando la ratifica della convenzione di Istanbul, il tavolo tecnico si è riunito per discutere come mettere in pratica gli impegni internazionali e per analizzare i dati del 2015. La nota dell’Authority per le pari opportunità non offre i numeri del fenomeno sul Titano, si limita a spiegare che i dati del 2015 confermano che la violenza contro le donne “viene esercitata per lo più nell’ambito familiare e delle relazione affettive e di intimità e numerosi sono i bambini che in tali contesti assistono e subiscono gli effetti della violenza”.

violenza donneInfine, “per la piena attuazione della legge n.97/2008 e del decreto n.60/2012- riferisce la nota- fra gli obiettivi immediati, il tavolo tecnico individua l’attivazione di numero unico, come previsto Convenzione di Istanbul, con copertura 24 ore su 24 e la messa a regime Centro per l’Ascolto quale nodo di rete essenziale per l’accoglienza e il sostegno delle vittime di violenza, nonché la previsione pluriennale dei piani di formazione professionale, obbligatori e con cadenza annuale per tutte le categorie di professionisti che a vario titolo si occupano del fenomeno”.

29 gennaio 2016

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988