Emilia Romagna

I rifiuti di Roma in Emilia Romagna? Bonaccini prende tempo: “Stupito da arroganza di Raggi”


BOLOGNA – L’Emilia-Romagna prende altro tempo sui rifiuti romani. “Ci siamo presi alcuni giorni per fare altre valutazioni”, ha spiegato oggi il presidente Stefano Bonaccini dopo la seduta della giunta regionale. Certo, ha detto Bonaccini, “se ci fossero atteggiamenti meno arroganti della sindaca”, cioe’ Virginia Raggi, “questo aiuterebbe i rapporti istituzionali”. La giunta Bonaccini prendera’ la decisione definitiva sul pattume romano tra tre o quattro giorni, ma “qualora li si prendesse sarebbe per poco tempo e in quantita’ modeste”.

Due anni fa, ricorda Bonaccini “prendemmo una modesta quantita’” di rifiuti “per poche settimane alla Liguria e l’anno scorso li abbiamo presi dalla Puglia”. Quest’anno, fin qui senza emergenze, a bussare e’ stato il Lazio per Roma, ma “non e’ detto che li prendiamo”, sottolinea Bonaccini. Anzitutto, “decidiamo insieme ai territori interessati, perche’ non imponiamo niente a nessuno”.

In secondo luogo se l’ok arrivasse sara’ per “pochissime quantita’ per pochissime settimane. Non e’ che dobbiamo risolvere i problemi del mondo”, afferma ancora il governatore emiliano-romagnolo, a cui non sono affatto piaciuti i commenti del governo M5s della Capitale sulla vicenda. “Sono rimasto molto stupito dai toni e dalle parole cosi’ arroganti della sindaca di Roma Virginia Raggi, differenti da quelle del governatore Nicola Zingaretti. Che da un territorio che ha un problema si sia anche arroganti e’ abbastanza incredibile”.

Al fianco di Bonaccini in Regione durante la presentazione della destinazione turistica “Emilia” c’e’ anche il sindaco ex M5s di Parma Federico Pizzarotti: l’inceneritore della citta’ ducale potrebbe essere tra quelli eventualmente a disposizione per il pattume romano. “Vedremo cosa verra’ fuori nei prossimi giorni- glissa per il momento Pizzarotti- Raggi arrogante secondo Bonaccini? Io parlo alla fine”.

28 dicembre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»