A Verona migranti costretti a passare la giornata in strada - DIRE.it

Veneto

A Verona migranti costretti a passare la giornata in strada

VENEZIA – A Verona, un privato che gestisce una struttura di accoglienza per migranti, costringe gli ospiti ad allontanarsi dalla struttura durante il giorno, permettendogli di stare all’interno solo per colazione, pranzo e cena. Ciò, ovviamente, in contrasto con quanto previsto nell’accordo sottoscritto con la prefettura. Lo denuncia il sindaco di Verona Flavio Tosi, assicurando che il comportamento scorretto sarà immediatamente segnalato alla prefettura stessa.

Anche perché, il privato riceve per il servizio circa 30 euro al giorno per ognuno dei migranti ospitati, continua Tosi, spiegando che la scelta di impedire l’utilizzo della struttura durante il giorno “non tiene conto in alcun modo delle necessità dei richiedenti asilo, ma nel contempo diviene causa di problematiche per la comunità che, giornalmente, si trova a doversi confrontare con soggetti obbligati a rimanere in strada”.

28 dicembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»