In Italia 1,2 milioni di bimbi sono in povertà assoluta, 1 su 8

Presentati i dati Istat per la fondazione l’Albero della Vita, durante il convegno ‘Povertà dei bambini, solo una questione di reddito?’

Condividi l’articolo:

ROMA – Sono circa un milione e 200mila i bambini in povertà assoluta in Italia, uno su otto. Non solo, la condizione degli under 18, dal 2005 ha subito un continuo e costante peggioramento. È quanto si apprende da dati Istat elaborati per la fondazione l’Albero della Vita e presentati oggi al Cnel di Roma, durante il convegno ‘Povertà dei bambini, solo una questione di reddito?’. Nello specifico, i bambini in condizione di povertà assoluta sono 53mila al nord (11,7% del totale), 176mila al centro (9,3%) e 473mila (13,9%). Un terzo è costituito da bambini fino ai 6 anni. La seconda per incidenza è la fascia tra i 7 e i 13 anni che conta 503mila bambini poveri assoluti (12,3%). 

Gli interventi pubblici necessari 

 La giornata di oggi al Cnel, organizzata da Fondazione L’Albero della Vita, insieme alla Alleanza contro la povertà In Italia, all’Ordine Assistenti sociali – Consiglio nazionale, alle ACLI e con la partnership pedagogica della Fondazione Patrizio Paoletti per lo Sviluppo e la Comunicazione – ha l’obiettivo di avviare una riflessione sull’esigenza di scongiurare il rischio di indirizzare gli interventi esclusivamente su aiuti di tipo economico e dal carattere meramente assistenzialistico.

“È fondamentale riportare al centro dell’attenzione pubblica i bambini perché venga data loro centralità nella definizione delle politiche pubbliche- ha detto il presidente di Fondazione L’Albero della Vita, Ivano Abbruzzi– Stabilire con grande attenzione i bisogni centrali del bambino e soprattutto nuovi approcci della relazione di aiuto in grado di portare realmente un cambiamento nella vita dei bambini e delle loro famiglie diventa imprescindibile in qualsiasi azione messa in atto nella lotta contro la povertà delle famiglie”. “Non agire nel presente- ha aggiunto Abbruzzi- pone un’ipoteca grave su quello che sarà il futuro di un’intera generazione. Oggi, adesso, ci stiamo giocando il futuro del Paese”.

Spadafora: “Dati drammatici”

 “Un bambino su 8 in povertà assoluta è un dato drammatico- ha sottolineato in un messaggio il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Vincenzo Spadafora- la povertà dei bambini è una piaga che rischia di allargarsi, se non verranno trovate soluzioni in grado di contenerla” e “preoccupa la retorica” che parla di ‘assistenzialismo’ e la definizione di ‘pauperismo’ di cui viene tacciato chi pone la questione”.

Albano: “Necessario approccio multidisciplinare alla povertà”

“La settimana dell’infanzia ci ricorda che in Italia vanno realizzati i diritti previsti dalla convenzione delle Nazioni Unite. Il diritto alla sopravvivenza, al benessere e alle pari opportunità solo per citarne alcuni. I numeri impressionanti sulla povertà dei minori in Italia ci dicono che questi diritti non sono garantiti. È necessario quindi rimarcare l’importanza di un approccio multidisciplinare alla povertà. Per un bambino essere povero non significa solamente non avere cibo sufficiente, ma vuol dire essere privato delle possibilità educative, vuol dire essere più solo a cui viene impedito di sviluppare le proprie capacità”. Lo ha detto la Garante dell’Infanzia e dell’Adolescenza, Filomena Albano, nel corso del convegno ‘Povertà dei bambini, solo una questione di reddito?’, che si è svolto nella sede del Cnel a Roma.

Leggi anche:

28 Novembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»