AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE welfare

#prioritàlavoro è un impegno di tutti: il convegno Aism il 13 dicembre

ROMA – Un vero e proprio cantiere di lavoro in cui condividere idee e percorsi concreti, in cui prendere impegni ed avviare percorsi di collaborazione comuni, affinche’ il diritto al lavoro non sia solo una parola ma diventi sempre piu’ realta’. È questo lo scopo del convegno Sclerosi Multipla, disabilita’ e lavoro: l’impegno degli stakeholder per l’attuazione dell’Agenda SM 2020, organizzato da AISM il 13 dicembre a Roma, che sara’ anche trasmesso in diretta streaming su www.AISM.it e che avra’ come hashtag #prioritàlavoro.

Il lavoro e’ una precondizione essenziale di inclusione sociale per le persone con sclerosi multipla e disabilita’

Invitati intorno allo stesso tavolo i principali attori coinvolti su questo tema fondamentale per le persone con sclerosi multipla, le principali Istituzioni – a cominciare dal Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Giuliano Poletti. Saranno a Roma Maurizio Sacconi, Presidente della XI Commissione del Senato della Repubblica, Maurizio Del Conte, Presidente dell’Agenzia Nazionale Politiche Attive Lavoro, i rappresentanti delle parti datoriali e sindacali, delle reti, dei medici del lavoro, le stesse persone con sclerosi multipla. Al centro dell’incontro il tema del lavoro, un’emergenza sociale per moltissimi cittadini e ancora piu’ per chi, come le persone con sclerosi multipla si trova a dover ripensare e riorganizzare la propria condizione lavorativa in relazione ai mutamenti dettati dalla patologia. Il lavoro e’ una precondizione essenziale di inclusione sociale per le persone con sclerosi multipla e disabilita’, come spieghera’ la Presidente Nazionale AISM Angela Martino nell’introduzione alla giornata.

Alcune importanti conquiste sono state gia’ ottenute

Cosa fare per rendere effettivo questo diritto sara’ dunque il focus dell’evento, ed e’ anche una delle priorita’ dell’Agenda della SM 2020, che raccoglie le principali urgenze di tutte le persone con sclerosi multipla. Alcune importanti conquiste sono state gia’ ottenute – grazie all’impegno di AISM – tra cui il diritto al part-time reversibile per le persone con gravi patologie cronico degenerative. Ora occorre assicurare nuove forme di flessibilita’ e di conciliazione vita-cura-lavoro; l’effettivo accesso al part time; la messa in pratica del concetto di accomodamento ragionevole; un rilancio del sistema dell’inserimento mirato; una adeguata valutazione dell’idoneita’ alla mansione; politiche attive, modelli culturali innovativi, misure concrete per contrastare l’esclusione e la discriminazione negli ambienti di lavoro, come disegnato dal programma d’azione biennale per i diritti delle persone con disabilita’. Sono sfide importanti, sono tanti obiettivi che se realizzati andrebbero a comporre almeno in parte il quadro per cui ogni giorno lavoriamo: un mondo libero dalla sclerosi multipla. Mantenendo sempre lo sguardo sul bene comune e sulla costruzione di soluzioni che riguardino l’intero mondo della disabilita’ e delle persone con gravi patologie. Chiunque, se interessato, potra’ partecipare alla discussione, sollecitando ogni parte coinvolta nel “mondo del lavoro” verso un impegno concreto e fornendo spunti, proposte, indirizzi di azione.

28 novembre 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988