Protesta Roma Metropolitane in Campidoglio: Pronti a stop cantieri - DIRE.it

Lazio

Protesta Roma Metropolitane in Campidoglio: Pronti a stop cantieri

roma_metropolitane_protestaROMA – I lavoratori di Roma Metropolitane scendono in piazza per dire no alla liquidazione della società, dando vita a un sit-in di protesta sulla scalinata del Vittoriano, in Campidoglio, per chiedere un incontro all’amministrazione. In caso contrario “siamo pronti a bloccare i cantieri”. Pettorine arancioni di ‘ordinanza’, i dipendenti della partecipata capitolina, riuniti dai sindacati Filt Cgil, Fit Cisl e UilTrasporti, hanno esposto numerosi striscioni contro l’amministrazione comunale: ‘Uno vale uno, 164 non sono nessuno’, ‘Diritto al lavoro’, ‘Sindaca, assessori, qual è il futuro di noi lavoratori?’, e ancora ‘Giunta Raggi forti coi deboli, deboli coi forti’, ‘Metro, tram, ammodernamenti non si fanno coi licenziamenti’, ‘Noi vogliamo lavora”, ‘Non siamo fraudolenti, siamo onesti e competenti’.

Numerosi i cori scanditi, al ritmo di fischietti e megafoni: “Onestà, onestà” e “Oh Meleo superiamo il Colosseo, oh Berdini superiamo Battistini, oh Virginia facci fare un’altra linea, Colomban facci fare pure i tram” i più gettonati, mentre i manifestanti si alternavano a spiegare i motivi della protesta. “L’approvazione il 4 novembre scorso in Assemblea capitolina dell’intenzione di non ricapitalizzare Roma Metropolitane comporta che ci sono 164 dipendenti che possono perdere il lavoro e non è stato chiarito come proseguono le opere e gli appalti che stiamo seguendo in questo momento”, ha detto Paola Propana, della Uil Trasporti, sottolineando che “164 impiegati e quadri pagano con il rischio di perdere il lavoro. È l’epilogo grottesco di un’operazione di demolizione mediatica e finanziaria cominciata nell’ottobre 2013 dall’assessore Improta e proseguita senza cambi di rotta fino ad oggi”.

Per Gaetano Mazzone della Filt Cgil “con la mancata ricapitalizzazione la società va incontro al fallimento o alla liquidazione, e questo porterebbe al licenziamento in tronco dei 164 dipendenti”. Dopo il 4 novembre, “i lavoratori sono stati in presidio sotto l’assessorato alla Mobilità in via Capitan Bavastro per tre giorni- ha aggiunto Irene Simoncelli della Uil Trasporti- al terzo giorno di manifestazione ci ha ricevuto l’assessore Meleo ma è stata molto generica e poco chiara sul futuro dei lavoratori”. All’indomani dell’incontro, durante un’assemblea, i dipendenti e i sindacati hanno elaborato un documento con la loro posizione sul futuro dell’azienda: “Le risorse umane di Roma Metropolitane rappresentano un patrimonio per Roma e uno strumento per lo sviluppo del trasporto pubblico”.

Insieme al presidio i lavoratori hanno proclamato anche uno sciopero di 4 ore “che si traduce in un rallentamento dei progetti su opere in corso come il prolungamento della metro B1, i lavori di progettazione sulla linea C o quelli relativi al potenziamento del deposito della Magliana”, ha concluso Simoncelli. L’obiettivo della protesta in Campidoglio, ha chiosato Mazzone, “è quello di ottenere un incontro con il sindaco o il vicesindaco che porti a un impegno scritto da parte dell’amministrazione capitolina e non escludiamo, qualora non arrivino risposte, azioni di protesta più impattanti come il blocco di alcuni cantieri”.

di Mirko Gabriele Narducci, giornalista professionista

28 novembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»