Terra di re e pescatori, Cascais è la città dei giovani 2018 - DIRE.it

Giovani

Terra di re e pescatori, Cascais è la città dei giovani 2018

cascais_locandinaROMA – Bagnata dall’Oceano Atlantico, Cascais (pronuncia Keshkaish), è un centro urbano a pochi kilometri da Lisbona. Con i suoi circa 200mila abitanti, di cui il 40% circa sotto i 35 anni, si tratta della sesta città del Portogallo.

Tra i segni particolari, la città lusitana è stata scelta come European Youth Capital nel 2018. “Congratulazioni a Cascais, Capitale Europea dei Giovani 2018, per la sua proposta forte, variegata e dettagliata- ha dichiarato Joan Conca Domenech, vice presidente del Forum Europeo della gioventù- quest’anno abbiamo raccolto il più alto numero di candidature da sempre, molte delle quali di eccellente qualità”.

cascais_portogallo

“Una terra di pescatori e re, artisti e spie, tradizione e raffinatezza” si legge nel comunicato che presenta la sua candidatura per “Capitale Europea Dei Giovani 2018”. La città, luogo di vacanze e sport acquatici per molti portoghesi, ospita, oltre a due università, un buon numero di “infrastrutture, spazi pubblici, parchi e piazze che già accolgono un’ampia gamma di attività per i giovani nel corso dell’anno”.

A Cascais i giovani possono trovare, si legge ancora nella nota, pubblicata su europeanyouthcapital.org: “un consiglio municipale per le politiche giovanili, un dipartimento dei giovani in municipio, strutture impegnate nell’inclusione sociale, 38 associazioni giovanili attive, un network di 4 centri d’informazione per le nuove generazioni e centinaia di organizzazioni e infrastrutture sportive”.

E i promotori della candidatura di Cascais hanno adottato lo slogan “Gioventù Glocal”: “La nostra prospettiva è di combinare la dimensione locale con quella globale attraverso il processo di trasformazione sociale”, dichiarano. Cascais è stata preferita a Perugia, Manchester, Kecske’met e Novi Sad.

28 novembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»