Manovra, Boeri: “Per il reddito di cittadinanza bisognerà fare domanda”

ROMA – “Penso che la domanda” per il reddito di cittadinanza “sarà necessaria, prima però è possibile avvisare le persone che potenzialmente hanno diritto e questo con a precompilata Isee si può fare”. Lo dice il presidente dell’Inps, Tito Boeri, in un’intervista al Messaggero.

“Noi come Inps- aggiunge- siamo pronti a impegnarci per farlo funzionare al meglio. La nostra macchina già interagisce con i Comuni, mentre i centri per l’impiego hanno bisogno di più tempo per riorganizzarsi. E poi bisognerebbe ripristinare la precompilata Isee, che ora è ferma per i paletti del Garante della privacy: in questo modo gli interessati avrebbero meno oneri al momento di fare domanda. Ma ripeto, le domande dovrebbero passare dai Comuni”.

“Noi ce la metteremo tutta per farlo funzionare al meglio- dice ancora-, ma ancora non abbiamo visto un articolato. E i ritardi pesano: non si può pensare di chiudere la norma il 31 dicembre e poi partire con l’applicazione dal primo gennaio. Un’altra cosa saggia sarebbe partire gradualmente, con soglie più basse e una platea parziale, proprio per raggiungere in modo mirato chi ha davvero bisogno. Per arrivare ai 780 euro c’è tempo tutta la legislatura”.

28 ottobre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»