Bologna, tra un anno studentato in via San Petronio Vecchio

BOLOGNA – Ci vorrà un anno o poco più per completare lo studentato da circa 50 posti che l’Università di Bologna si appresta a costruire in via San Petronio Vecchio, nel grande edificio ex Croce rossa. A dettare la tempistica è il prorettore vicario con delega al patrimonio, Emilio Ferrari, che oggi ha visitato il laboratorio nato nell’ex aula C di Scienze politiche insieme al rettore Ivano Dionigi. All’ex Croce rossa sono praticamente già finiti i lavori per la realizzazione di tre nuove aule: una da 140 e due da un centinaio di posti. Saranno disponibili “nel giro di pochi mesi”, assicura Ferrari. Inoltre, stanno partendo i cantieri anche per lo studentato, che sarà affiancato anche da altri servizi. Ci vorrà “un anno o un anno e pochi mesi” per il suo completamento, spiega il prorettore. Gli studenti di Scienze politiche vivranno “un po’ di disagio- avverte Ferrari- ma è per una buona causa”.

Con questa operazione verranno ristrutturati anche i locali utilizzati per qualche anno dal collettivo Bartleby, sgomberato a gennaio del 2013. L’ingresso è ancora murato e sulla parete che dà sulla strada qualcuno ha appeso una sorta di targa fatta a mano: “Qui fu Bartleby, scrivano che preferiva dire di no”. Ora, a distanza di quasi tre anni, partiranno i lavori che coinvolgeranno anche quei locali: Ferrari, però, precisa che all’epoca lo spazio fu liberato perché sarebbe stato interessato anche dai lavori nel frattempo compiuti per le aule. Sui nuovi spazi in arrivo, il vicepresidente della Scuola di Scienze politiche, Ivo Colozzi, commenta: “Il grandissimo aumento di iscritti alle lauree magistrali significa che l’Università di Bologna è ancora un punto di riferimento e di richiamo e noi ci stiamo attrezzando”.

28 Ott 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»