Politica

Protesta contro la Bolkestein in piazza, in centinaia a Roma/FOTO

bolkenstein3

ROMA – Alcune centinaia di persone sono in piazza della Repubblica, a Roma, per protestare contro la direttiva Bolkestein. È presente anche il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini. “Matteo uno di noi” inneggiano dal palco. “Se l’Europa è quella della Bolkestein, meglio soli che male accompagnati- ha dichiarato Salvini ai manifestanti- tutto quello che possono fare i Comuni e le Regioni sono panni caldi, solo il governo può fare qualcosa. O il governo dice no o dobbiamo incatenarci sulle spiagge– questo il senso delle parole di Salvini-. Non è difficile, basterebbe copiare altri Paesi europei che non applicano questa direttiva”. L’iniziativa è stata convocata da diverse organizzazioni di ambulanti e lavoratori del settore balneare.

FASSINA CONTRO BOLKESTEIN: A ROMA BLOCCHEREMO ASTA

“Al Comune di Roma bloccheremo la procedura per mettere al bando le licenze di ambulanti e balneari”. Lo ha dichiarato Stefano Fassina di Sinistra italiana dal palco della manifestazione in corso a Roma contro la direttiva Bolkestein. “Dobbiamo stare tutti insieme – questo il senso delle parole di Fassina – contro una legge che favorisce le multinazionali e non le piccole attività“.

ALEMANNO: SCHIERAMENTO TRASVERSALE CONTRO BOLKESTEIN

“Questa è una parte importante del lavoro italiano che rischia di essere distrutta da un’applicazione sbagliata sella direttiva. L’Italia è uno dei pochi paesi ad aver applicato la direttiva anche al commercio ambulante. Per questo serve uno schieramento trasversale, da destra a sinistra, che voti un emendamento che sospenda l’applicazione della Bolkestein agli ambulanti, ridando fiato a questa categoria. Dopodiché si apra un tavolo di confronto per trovare regole giuste e sostenibili”. Così Gianni Alemanno, intervenendo a piazza Esedra alla manifestazione degli ambulanti contro la direttiva Bolkestein.

di Giulia Beatrice Filpi

28 settembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»