Politica

Mojo Italia, a Roma arriva il primo festival del Mobile Journalism

ROMA –  “È ora che i giornalisti acquisiscano gli strumenti per essere presenti nei terreni dove oggi proliferano le fake news e le pubblicità nascosta. Il futuro è adesso e non può aspettare”. Parola di Nico Piro, giornalista Rai e pioniere italiano del Mobile Journalism. È tutta qui la filosofia di MoJo Italia, primo festival del giornalismo mobile che si terrà nella Capitale il 21, 22 e 23 settembre alla Casa del Cinema di Villa Borghese e nella sede del sindacato Stampa Romana. Seminari, concorsi, proiezioni. L’obiettivo è quello di aprire le porte della comunità italiana del giornalismo mobile a chiunque voglia scoprire le potenzialità professionale di uno strumento, lo smartphone, che ci accompagna ogni giorno. Nel Mojo è infatti l’uso degli smartphone ad essere il vero protagonista al servizio del giornalismo, per creare contenuti da distribuire in tempo reale e su più piattaforme.

 

“Il nostro è un festival della condivisione e del fare- sostiene Nico Piro- Non celebriamo nulla, proviamo solo a dare un contributo di cambiamento. Nei nostri seminari, i migliori esperti italiani del settore mettono a disposizione di giornalisti, videomaker, comunicatori gli strumenti chiave della nuova comunicazione. È la più grande operazione di aggiornamento professionale che si ricordi negli ultimi anni, autoprodotta e gratuita”.

 

“Con il Mojo Festival rilanciamo il lavoro sulla formazione professionale continua, e sui nuovi strumenti digitali, uno dei fiori all’occhiello di Stampa Romana- sottolinea il segretario Lazzaro Pappagallo- Roma diventa protagonista e perno di un rilancio industriale del settore”. Nel corso dei tre giorni di festival saranno premiati la migliore creazione realizzata con la smartphone in Italia e la migliore creazione realizzata all’estero. Lo scopo è portate alla luce talenti e mostrare le potenzialità degli smartphone. Un nuovo modo di pensare, che vede l’Italia anche se in posizione di rincorsa rispetto ad altre realtà mondiali, comunque tra i primi Paesi europei a dare forma a questa idea, ormai sempre più una missione.

 

Leggi anche:

Ti potrebbe interessare:

28 luglio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»