AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE ambiente

Spazio. Missione vita, Paolo Nespoli di nuovo tra le stelle

ROMA –  E’ partito dal cosmodromo di Baikonur alle 17,41 ora italiana l’astronauta italiano Paolo Nespoli, a bordo della Soyuz MS-05. L’equipaggio della expedition 52/53 sulla Stazione spaziale internazionale comprende anche il cosmonauta russo Sergei Ryazansky e l’astronauta statunitense Randy Bresnik. Il lancio è stato seguito all’Agenzia Spaziale Italiana a Tor Vergata a Roma alla presenza tra gli altri del presidente dell’Asi Roberto Battiston e della ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Valeria Fedeli.

LA MISSIONE

Si chiama ‘Vita’, acronimo di vitalità, innovazione, tecnologia e abilità. “Vita è una parola piccola, ma che contiene tanti significati- spiega Nespoli- Qui vediamo alcune delle possibili interpretazioni. Ma vita è anche sostegno, consapevolezza, significa anche fare le cose insieme. La vita, poi, è anche quella che andiamo a cercare su un altro pianeta”. Il logo della missione è stato disegnato a partire dal ‘Terzo paradiso’ di Michelangelo Pistoletto, tra gli ospiti dell’evento organizzato dall’Asi. È formato dal simbolo dell’infinito con all’interno un segno che indica il finito. All’interno del logo, realizzato dalla designer Elena D’Amato, ci sono anche tre significative immagini: quella del dna a sinistra, un libro sulla destra e al centro la Terra. L’ellissi centrale in combinazione con il globo evoca un simbolico occhio che sta a figurare la prospettiva dell’astronauta, che osserva il nostro pianeta dalla Stazione Spaziale Internazionale. Il tutto su uno sfondo blu, con il tricolore sui bordi in alto e le scritte ‘Agenzia spaziale italiana’, ‘Nasa/Asi Iss-3’, ‘European space agency’, e il nome Paolo Nespoli, oltre alle tre stelle che rappresentano le tre missioni di lunga durata frutto dell’accordo tra la NASA e l’ASI.

GLI ESPERIMENTI DI ‘VITA’

Gli esperimenti di matrice italiana condotti da Paolo Nespoli sono tredici. Quelli della cosiddetta Biomission dell’Agenzia spaziale italiana sono 4: Myogravity, destinato all’analisi delle alterazioni molecolari a cui vanno incontro le cellule satelliti; Nanoros, che analizzerà le cellule cardiache in orbita e permetterà di intervenire sulle patologie causate dall’atrofia cellulare; l’esperimento Corm cercherà invece di capire come intervenire sulle lesioni retiniche a cui vanno incontro gli astronauti; infine, l’esperimento Serism lavorerà sull’estrazione dal sangue di cellule staminali, riprogrammate per diventare tessuto osseo.

Tra gli altri esperimenti, tutti Made in Italy, spicca Perseo: si tratta di un giubbotto a forma di gilet, pieno di acqua, in grado di schermare gli astronauti dalle radiazioni. A bordo ci saranno poi Aramis, dedicato allo sviluppo di una app per iPad che dia all’astronauta le istruzioni per eseguire una determinata operazione sfruttando la realtà aumentata; In-Situ, per facilitare la medicina di bordo leggerà i parametri vitali dell’equipaggio a partire dalla saliva; Orthostatic Tolerance, un esperimento per prevenire i disturbi cui gli astronauti vanno incontro una volta tornati a Terra; Lidal, per misurare i danni legati alle radiazioni; Arte, dedicato al trasferimento del calore passivo; Mini Euso è invece un telescopio puntato verso Terra che permetterà una mappatura all’infravioletto. Infine, l’esperimento Multi Trop studierà l’orientamento delle radici delle piante in un contesto di micro gravità.

Multi Trop e il progetto vincitore del concorso Yiss-Youth Iss science, cui hanno lavorato gli alunni del liceo scientifico Silvestri di Portici (Napoli). Per approfondire: http://www.dire.it/category/articoli/?canale=scientificamente

LA CARRIERA

Paolo Nespoli, 60 anni, è un ingegnere, maggiore di riserva nell’esercito italiano e ‘arruolato’ dall’Esa fin dal 1991. La sua prima volta come astronauta è nel 2007, quando prese parte alla missione Esperia. Partì a bordo dello Space Shuttle Discovery che trasportava anche il Nodo 2, il primo modulo costruito in Europa a diventare parte della Stazione spaziale in modo permanente, e coordinò le attività relative al suo assemblaggio. E’ poi tornato sulla Stazione Spaziale nel dicembre 2010 per la missione MagISStra dell’Esa, come ingegnere di volo.

28 luglio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988