AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE politica

Vaccini, 3 deputati dem aggrediti da No vax. La replica: “Macchè aggressione, solo parole grosse..”

ROMA – “Tre deputati Pd assaliti da manifestanti No-vaccini. Follia pura. Un abbraccio a Elisa, Ludovico e Salvatore. Noi non ci fermiamo”. Matteo Renzi, segretario Pd, lo scrive su Twitter, dando la notizia dei deputati Elisa Mariano, Ludovico Vico e Salvatore Capone aggrediti quando, dopo l’approvazione del decreto vaccini, sono usciti dalla Camera e si sono ritrovati nel bel mezzo della manifestazione dei No vax in presidio davanti a Montecitorio. Loro però smentiscono.


NO VAX: NESSUNA AGGRESSIONE FISICA, SOLO PAROLE GROSSE…

Non c’è stata nessuna aggressione fisica o violenta” nei confronti dei tre deputati usciti questa mattina dall’ingresso principale della Camera e passati attraverso il corteo No-Vax davanti a piazza Montecitorio. Lo dicono alcuni manifestanti interpellati al termine del presidio di protesta contro il dl Vaccini ormai legge.

Sono volate solo parole grosse– precisano i No-Vax- e sono stati ripetuti alcuni slogan. Ma nessuna violenza”.

LEGGI ANCHE: Il decreto vaccini è legge: ecco la guida completa


M5S: NO A VIOLENZA, CONDANNIAMO AGGRESSIONE

“L’aggressione nei confronti dei deputati del Pd fuori da Montecitorio non è giustificabile in alcun modo e a loro va la solidarietà di un movimento che si è sempre, convintamente, dichiarato non violento. La contrarietà a un provvedimento è un conto, la violenza un altro”. Così il gruppo M5S della Camera in una nota.


MORANI (PD): NON CHIAMATELI ‘NO VAX’ MA DELINQUENTI

“Non chiamateli No-vax. Chiamateli con il loro nome: delinquenti. Questo succede se ci sono partiti che li sostengono e istigano alla violenza”. Lo scrive su Twitter Alessia Morani, vice-presidente del gruppo Pd alla Camera, per commentare l’aggressione da parte di alcuni manifestanti No-Vax nei confronti di tre deputati del Partito democratico, avvenuta questa mattina davanti a Montecitorio. Roma, 28 luglio 2017

28 luglio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram