Emilia Romagna

Riviera, la Notte rosa attende il principe azzurro: 6 maxischermi a Rimini

notte_rosa_16_3

RIMINI – Unire spettacolo, cultura e spensieratezza lungo 160 chilometri di costa adriatica. Passando tra Fabio Concato, le Winx, David Riondino e molto altro. Torna per l’11 edizione venerdì 1^ luglio, strizzando l’occhio a tutto il fine settimana, la Notte Rosa, il capodanno dell’estate, lungo il litorale che si estende dalla riviera di Comacchio in Emilia-Romagna fino a Senigallia nelle Marche. Quest’anno con un ospite d’eccezione, il quarto di finale del campionato europeo di calcio tra la nostra nazionale e quella tedesca. E l’auspicio del sindaco di Rimini e presidente della Provincia, Andrea Gnassi, che “sposi il principe azzurro”. Dunque indosso non solo la tradizionale ghirlanda rosa, ma, come da indicazione del ct Antonio Conte, anche la maglietta azzurra. E tutti a vedere la partita in uno dei sei maxi schermo allestiti sul lungomare. Inevitabili i disagi alla circolazione, con la Polizia municipale di Rimini che predispone una serie di modifiche alla viabilità, a partire dalla chiusura alla circolazione del lungomare da Marebello a piazzale Boscovich. Più nello specifico chiusi dalle 20 di venerdì 1^ luglio alle 4 di sabato 2 e dalle 20 di sabato 2 alle 4 di domenica 3 luglio il lungomare Murri, il lungomare Di Vittorio, parte di piazzale Kennedy, il lungomare Tintori e le vie attorno a piazzale Fellini. Il lungomare di Vittorio e il lungomare Murri da via Fellini Satyricon alla via Toby Dammit, saranno chiusi alla circolazione dalle 6 di giovedì 30 giugno alle 13 di domenica 3 luglio. Modificata la viabilità anche di alcune strade esterne alla manifestazione. Deroga infine ai limiti di orari e di durata della manifestazione su tutto il territorio comunale.

notte_rosa_16_Pink Positive”, il claim di quest’anno, punta a essere ottimisti. E le prenotazioni negli alberghi già fanno sorridere gli operatori. Perché la Notte rosa, spiega alla stampa presentando l’evento, il presidente di Unione prodotto costa e sindaco di Bellaria-Igea Marina, Enzo Ceccarelli, “funziona perché le amministrazioni comunali tessono un rapporto con le associazioni di categoria e gli operatori”, per “un’offerta senza eguali in Italia”. Per tutti i gusti, dai grandi ai bambini, dalla musica al teatro, passando per la gastronomia. Il tutto con una spruzzata di rosa. E allora ecco Ron al Lido degli estensi; gli Audio 2 a San Mauro Mare; Carmen Consoli a Rimini, preceduta giovedì 30 giugno da Fabio Concato e seguita il 2 luglio da Alberto Fortis. E ancora la social band di Luca Barbarossa a Riccione; i Nomadi a Misano Adriatico; Ivana Spagna a Cattolica; David Riondino a a Gradara e Andrea Rivera a Senigallia. “Offerte musicali, e non solo, per tutti i palati”, commenta il presidente di Apt Liviana Zanetti ribadendo che “la Notte Rosa è una grande idea” e quest’anno ha “un titolo importantissimo”, che invita a “pensare positivo”. L’evento, aggiunge il vicesindaco di Pesaro, Daniele Vimini, porta “benefici e visibilità”, ora anche per il Nord delle Marche, protagonista da un paio di anni.

notte_rosa_16_7Tra gli eventi in programma, nel castello di Gradara Riondino metterà in scena uno spettacolo sulla storia delle figurazioni dei mesi nella scultura medievale italiana. A Senigallia spazio invece all’attore Rivera, a Mondolfo alla gastronomia e a Pesaro alla cover band dei Pink Floyd. Riccione, spiega l’assessore al Turismo Claudio Montanari, oltre alla musica con Barbarossa e ospiti le cantanti Annalisa e Alice Papa da The Voice, unisce la Notte Rosa al cinema, tra mostre, proiezioni e ospiti d’eccezione quali Scrat dall’Era glaciale e la Ecto-1, l’automobile dei Ghostbusters. A Misano l’happening si tinge di rosso, con il raduno dei ducatisti, seguito sabato da concerto di Piero Pelù e domenica con i carnevale in rosa; mentre a Cattolica, “ponte ideale con le Marche”, sottolinea il neo sindaco pentastellato Mariano Gennari, tuffo negli anni ’80 con Ivana Spagna. Rimini spazia da giovedì 30 giugno a domenica 2 luglio tra le Winx, Concato, Consoli e Fortis, tra dj set in spiaggia e l’interpretazione di Lucrezio e Venere di Piergiorgio Odifreddi. La Notte Rosa unisce, sottolinea Gnassi: “Viviamo tempi di difficoltà e cambiamento, dove spesso vince la paura. Ma la risposa non è l’isolamento e la Brexit”. Perché “i territori che si legano diventano più forti”. East coast insomma. E le prenotazioni confermano la bontà della scelta. “La Notte Rosa– aggiunge- è un grande prodotto turistico dell’Emilia-Romagna e Rimini quest’anno rimette al centro il mare”, tra l’altalena appena reinstallata, tre chilometri di djset e la pinky cup. “Restiamo popolari manifestando sentimenti- conclude il primo cittadino- dopo 11 anni essere noi stessi e cambiare tutti i giorni ci rende un unicum”.

di Cristiano Somaschini, giornalista professionista

28 giugno 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»