Emilia Romagna

Ecco la Giunta di Virginio Merola, gli assessori sono nove

merolaBOLOGNA  – Il sindaco di Bologna, Virginio Merola, ha ufficializzato la sua giunta-bis, a sorpresa di soli nove assessori.

La vicesindaco è Marilena Pillati, che terrà la delega all’Istruzione.

Entrano le ‘civiche’ Susanna Zaccaria alle Pari opportunità e l’operatrice culturale Bruna Gambarelli alle Periferie.

All’Urbanistica arriva la docente universitaria Valentina Orioli. Per il resto, confermati Matteo Lepore all’Economia e allo Sport, Luca Rizzo Nervo a Sanità e Welfare, Riccardo Malagoli a Lavori pubblici e Sicurezza.

Entra in squadra anche Virginia Gieri alla Casa, mentre è stato ripescato all’ultimo momento invece Davide Conte, che passa dalla Cultura al Bilancio. E’ saltata dunque l’ipotesi Irene Priolo alla Mobilità. Il capo di Gabinetto sarà Valerio Montalto.

MEROLA VIRA A SINISTRA, SCHIAFFO ALLE CORRENTI PD – Sparisce rispetto ai rumors delle ultime ore il responsabile organizzativo del Pd Alberto Aitini, la carta del segretario provinciale Francesco Critelli. Scompare anche Irene Priolo, attuale sindaco di Calderara, la cui nomina probabilmente avrebbe creato troppi problemi per via del doppio ruolo (triplo, se si considera che Priolo è anche consigliere delegato in Città metropolitana). Di fatto Virginio Merola ha deciso per il momento di tenersi l’interim sulla Mobilità e presentare una giunta di solo nove membri, cinque donne e quattro uomini. Rientra invece con altra delega (il fondamentale Bilancio) Davide Conte, compagno di viaggio di Amelia Frascaroli. Considerando che della squadra-bis di Merola ci sono anche il fedelissimo Riccardo Malagoli e la new entry per Cultura e Periferie, Bruna Gambarelli, fondatrice di Laminarie e il teatro Dom la cupola del Pilastro, si registra una bella sterzata a sinistra. Amelia Frascaroli, che ha rinunciato al bis, era comunque presente alla conferenza stampa. Le altre due ‘civiche’ inserite da Merola completano il quadro. L’avvocato Susanna Zaccaria, classe 1971, si occupa di lotta alla discriminazioni ed è stata anche presidente della Casa delle donne per non subire violenza. Nella sua delega sono citati anche i diritti Lgbt. Altro profilo per Valentina Orioli, del 1971 anche lei, professore di Urbanistica a Cesena, che si occuperà di Urbanistica e Ambiente Da segnalare anche i numerosi cambi di delega all’interno della giunta rispetto al primo mandato: lo Sport dal tifosissimo Luca Rizzo Nervo a Matteo Lepore, Conte che lascia la Cultura ed eredita il Bilancio. “Ne ha tutte le capacità”, assicura Merola in conferenza stampa.

Quanto all’esclusione di Priolo, “non sono responsabile di tutte le voci uscite”, glissa il sindaco. “Con Irene Priolo ho un ottimo rapporto e continuerà a seguire la mobilità in Città metropolitana. Passeremo l’estate a parlare del Passante di mezzo”. Merola ha spiegato di aver rinunciato ad Andrea Colombo per “ricomporre la frattura” con una parte di città anche ingiusta nei confronti dell’assessore Colombo”, del quale il sindaco dà un giudizio positivo per aprire una “grande fase di ascolto”. Poi, “nel caso la mobilità dia nel confronto coi cittadini risposte migliori mi riservo di passare la delega ad un assessore, ma adesso non è il momento opportuno”.

28 giugno 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»