Sanità, confermato Missiroli alla presidenza di Cassa Galeno

ROMA – Confermato Aristide Missiroli come presidente di Cassa Galeno, la società mutua cooperativa, creata e gestita da medici, con oltre 5.300 soci in tutta Italia. E’ stato rieletto sabato durante l’assemblea dei soci, svoltasi a Roma, riuniti per il rinnovo dei membri del Consiglio direttivo che dovranno guidare le scelte della Cassa per i prossimi tre anni. L’assemblea si è aperta con la lettura della relazione di bilancio, approvata a maggioranza dai soci, a seguire sono stati estratti i premi per i vincitori del concorso ‘Presenta un collega’, il concorso interno alla Galeno per premiare il socio che riesce a far iscrivere alla cooperativa il maggior numero di colleghi: hanno vinto Patrizia Doriana BarzellottiVincenzo Perri e Fabrizio Ficucilli.

“Il valore più grande di Cassa Galeno- ha sottolineato Barzellotti- è il fatto che sia aperta ai familiari, non solamente i congiunti più stretti. I figli per esempio possono poi rimanere comunque aderenti alla Cassa pur non svolgendo la professione medica. E poi non è così onerosa, infatti può essere supportata e sopportata da chiunque anche da chi è all’inizio dell’attività lavorativa come medico. Le offerte sono altamente vantaggiose e, cosa da non sottovalutare, ci sono anche la professionalità e l’eticità di chi accoglie la richiesta. A qualsiasi livello, sia per una richiesta sia per un intervento chirurgico o per un rimborso, trovi sempre personale preparato e che ti sta vicino in qualsiasi momento, con tempi brevi e risposte esaustive”.

A seguire il momento della consegna delle medaglie per i soci che hanno lavorato per contribuire allo sviluppo della Cassa. Premiati: Maurizio Atzori, Giuseppe Fuschini ed Edoardo Nanni. L’assemblea plenaria si è conclusa con il voto del Consiglio di amministrazione da parte dei soci presenti, voti che si sono andati a sommare a quelli arrivati per corrispondenza, contati successivamente. La mission principale di Galeno è aiutare i medici in difficoltà e sostenere le loro famiglie in uno spirito di mutua solidarietà.

Nata nel 1992 su iniziativa di Mario Boni, che riuscì a dar vita al progetto ambizioso di negoziare con le compagnie di assicurazione un ventaglio di garanzie in grado di soddisfare le esigenze di tutela del medico e della sua famiglia, ottenendo condizioni vantaggiose grazie alla forza collettiva espressa dalla cooperativa. Dalla sua nascita ad oggi la Cassa è cresciuta ampliando il proprio raggio di tutela, aggiungendo alle garanzie iniziali altre coperture come la garanzia long term care a sostegno di chi vive situazioni di non autosufficienza, introdotta nel 2008. I numeri della Galeno rendono l’immagine di una società sana che ha ridistribuito ai soci nel solo biennio 2015-16 più di 1 milione e 250 mila euro in termini di risparmio previdenziale aggiuntivo, e 7 milioni di euro liquidati, nell’ultimo triennio, per rimborsi in spese sanitarie. Una gestione, quella della Galeno, che ha dimostrato anche una visione di lungo periodo attraverso investimenti oculati come l’acquisto di un immobile nel centro di Roma a tutela delle obbligazioni future. Nel corso dell’esercizio che si è concluso la Galeno ha raggiunto quota 5.337 soci con 1.330 aderenti al ‘Piano Family’ con un incremento complessivo rispetto allo scorso anno di 213 unità. Da sottolineare come la Cassa assista complessivamente 13.369 persone considerando gli appartenenti ai nuclei familiari dei soci e degli aderenti.

Ecco gli altri membri eletti del Consiglio: Umberto Bosio, vicepresidente vicario, Giovanni Vento, vicepresidente, Loredana Bruno, segretario, Colomba Lo Presti, consigliere, Maria Grazia Terenzio, consigliere, Gaetano Cincotta, consigliere, Alfredo Cuffari, consigliere, e Ovidio Brignoli, consigliere.

Leggi anche:

28 maggio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»