Politica

Riforme, presentato oggi il comitato ‘Famiglie per il No’

famiglie noROMA – “Le famiglie cattoliche e attente al bene comune si uniscono per fermare una pericolosa deriva centralista che l’attuale governo sta promuovendo e programmando. L’accentramento del potere in un’unica direzione nega di fatto la democrazia e del bilanciamento dei poteri. L’annullamento dei corpi intermedi, e primo fra tutti la famiglia, allontana la partecipazione del popolo alle decisioni che lo riguardano”. Cosi’ il presidente del Comitato promotore del Family day, Massimo Gandolfini. “Siamo convinti- prosegue Gandolfini- che una riforma della costituzione dopo 70 anni sia un appuntamento da non eludere, ma la posta in gioco richiede tanta prudenza e, soprattutto, concertazione fra tutte le rappresentanze della società civile”.

“L’iter di approvazione delle unioni civili, con ben due fiducie, è stato l’evento concreto che ha svelato la vocazione autoritaria dell’attuale governo che ha voluto ignorare due piazze di milioni di persone. Come da ammissione diretta, è stato il primo passo di una strategia contro l’uomo e la famiglia che va assolutamente fermata. Per questo abbiamo dichiarato il nostro ‘No’ deciso e argomentato al referendum di ottobre prossimo. E’ in gioco la democrazia in Italia, abbiamo il dovere di essere coraggiosi e determinati”, conclude Gandolfini.

28 maggio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»