A Bologna non esistono emergenze casa o nomadi. Le parole del prefetto Sodano - DIRE.it

Emilia Romagna

A Bologna non esistono emergenze casa o nomadi. Le parole del prefetto Sodano

Bologna

Bologna

Sotto le Due torri non c’è nessuna emergenza abitativa. “Ridimensioniamo le cose”, afferma il prefetto di Bologna, Ennio Mario Sodano, che torna sul problema della casa e delle occupazioni in città questa mattina a margine di una conferenza stampa. “Voglio fare un invito a essere un po’ meno provinciali”, sferza Sodano. Per esempio, “ho sentito parlare di emergenza rom a Bologna: rammento che qui in tutto i campi accolgono 250 persone. Questa sarebbe l’emergenza che ci ha fatto mettere sullo stesso piano di Milano e Roma, che hanno decine di migliaia di rom”. Quindi, manda a dire il prefetto, “ridimensioniamo le cose”. Anche sul tema casa.

Sotto le Due torri “c’è un problema abitativo, che deriva anche dalla crisi e che non riguarda solo Bologna, ma è un problema generale e va affrontato con tutti gli strumenti possibili. Molto abbiamo fatto anche a livello locale- rivendica il prefetto- ricordo che c’è un protocollo che, anche se con grande fatica, forse sta dando qualche frutto: ci si sta lavorando”. Insomma, il problema della casa “è un fenomeno che va affrontato su più tavoli, sul piano della sicurezza e su quello dell’impegno degli enti. Ma confido che otterremo risultati”.

Sodano invita anche a non fare paralleli tra il problema casa e l’accoglienza dei migranti. “Le strutture per i profughi sono una questione diversa- rimarca il prefetto- sono strutture temporanee. Le strutture che abbiamo trovato per loro non sono idonee al problema abitativo, che riguarda le famiglie”.

Sodano, anche in questo caso, ci tiene a mandare un messaggio chiaro, che suona indirizzato sia ai cittadini sia alla politica. “Io spesso sento dire che diamo la casa agli stranieri e non agli italiani- afferma il prefetto- ma ricordo che la maggior parte dei rifugiati li ospitiamo in via Mattei (nell’ex Cpt-Cie, ndr), che non è una condizione ideale per gli italiani. E comunque è una soluzione transitoria. La semplificazione ‘a loro date casa e cibo’ è banale”, insiste dunque Sodano, perchè ai migranti viene garantita “un’assistenza temporanea che va data in attesa che vengano espletate le procedure. E’ una soluzione tampone, a cui siamo tenuti da accordi internazionali che ci vincolano. E quindi noi dobbiamo fornire assistenza ai richiedenti asilo”. Poi, una volta riconosciuta la condizione di rifugiato, “saranno nelle stesse condizioni degli altri. Per cui è una situazione assolutamente transitoria”, ribadisce il prefetto.

Infine, almeno per il momento, non si faranno requisizioni per risolvere il problema abitativo a Bologna. “Il tema delle requisizioni è una bufala- dice chiaro e tondo il prefetto- se ne parla a sproposito, anche da parte di chi dovrebbe avere un po’ di competenza in materia”.

28 maggio 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»